Si ferma la Serie A e a scendere in campo toccherà alla Nazionale del tecnico Roberto Mancini. Gli azzurri saranno impegnati contro Polonia e Portogallo nei primi due incontri della Nations League, torneo indetto dalla UEFA che sostituisce le tradizionali amichevoli, dove in palio ci sono i tre punti. Punti che il tecnico di Jesi vuole conquistare per cominciare bene l'avventura ufficiale sulla panchina azzurra.

Per l'occasione Mancini ha convocato ben 31 giocatori e tra questi c'è anche qualche Under 21 e Under 19. Un modo per testare anche i ragazzi più giovani in competizioni composte già da giocatori pronti a sfide dove la posta in gioco si fa decisamente più seria ed importante.

Tuttavia, il tecnico, in conferenza stampa, ha lamentato uno scarso utilizzo degli italiani in campo a favore degli stranieri, decisamente in abbondanza nei club.

Mancini: 'Fate giocare gli Italiani'

Per Mancini rispetto a qualche mese fa la situazione è peggiorata. Se prima i club avevano deciso di concedere più minutaggio ai giovani italiani, ora le cose sembrano essere tornate al punto di partenza. Il c.t azzurro chiede ai club di lanciare i propri giovani in mezzo al campo; ragazzi che a 19 anni dimostrano di avere già qualità devono giocare secondo l'ex tecnico di Inter e Manchester City. Una rivoluzione che deve essere necessaria affinché il calcio italiano possa rinascere e sfornare di nuovo giocatori affermati come una volta.

Tra i tanti giocatori sotto osservazione, Mancini presta attenzione a Zaniolo e Benassi. I due sono giovani e hanno tanti margini di crescita davanti a loro, ma vanno fatti giocare per far sì che questo processo di crescita possa continuare.

'De Rossi e Buffon utili'

In conferenza al tecnico è stato chiesto un parere anche su De Rossi e Buffon circa il loro ruolo all'interno della Nazionale.

Mancini ha ribadito che per ora l'obiettivo principale è focalizzarsi sui giocatori che giocano e che possano essere il futuro della Nazionale. Tuttavia, il c.t ha ammesso che ,qualora servissero uomini di esperienza nella gare di avvicinamento all'Europeo, è normale che terrà conto dei due che a livello di carisma e personalità possono risultare molto utili.

In attacco il c.t. aspetta Belotti

La Nazionale in avanti offre tante soluzioni, ma il tecnico spera nel pieno recupero fisico e mentale di Andrea Belotti. La speranza è che il "Gallo" ritorni a segnare a raffica come un anno e mezzo fa, prima che cominciassero i vari infortuni. Il tecnico non dimentica, però, Mario Balotelli, sul quale l'attenzione mediatica è sempre alta. L'attaccante ex Milan ed Inter può essere l'arma in più di questa squadra.

Segui la pagina Calciomercato
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!