Venerdì 22 marzo potrebbe essere ricordato come il giorno in cui viene siglata, definitivamente, la pace tra Mauro Icardi e l'Inter. Dopo la strepitosa vittoria dei nerazzurri nel derby della Madonnina contro i cugini del Milan, gli animi sembrerebbero essersi rasserenati, da entrambe le parti. Di conseguenza, il Presidente Zhang avrebbe fissato proprio per il fine settimana la data per incontrare Mauro Icardi. Incontro chiesto da settimane dall'attaccante argentino e fino a questo momento sempre posticipato.

Pubblicità

L'incontro dovrebbe sancire la ritrovata pace e armonia tra società, spogliatoio e ex capitano. Anche se, certamente, Zhang pretenderà delle garanzie di serietà da parte di Icardi.

Le richieste del Presidente nerazzurro

L'obiettivo di Zhang è quello di far tornare in campo il numero 9 nerazzurro. Subito dopo la pausa per la partita di qualificazione della Nazionale italiana agli Europei 2020, il giovane presidente nerazzurro punta a far giocare Mauro Icardi fino alla fine della stagione, in modo da centrare almeno la qualificazione alla prossima Champions League.

Per questo, la principale richiesta di Zhang sarà quella di tornare a segnare per l'Inter facendo uno sforzo concreto. In pratica, si chiede all'attaccante argentino di stringere i denti, sopportare il fastidio al ginocchio (magari con l'aiuto di qualche ulteriore infiltrazione), e di dare un contributo determinante al finale della stagione calcistica nerazzurra.

Le rassicurazioni per Icardi

D'altra parte, come mettono in risalto diverse fonti giornalistiche, nel colloquio che si dovrebbe tenere venerdì 22 marzo a Mauro Icardi e Wanda Nara dovrebbero essere fornite importanti rassicurazioni.

Pubblicità

In primo luogo che il giocatore argentino continuerà a rimanere al centro del progetto nerazzurro. Di conseguenza, dovrebbero essere venute meno tutte le intenzioni di cedere o, nella peggiore delle ipotesi, scambiare Maurito con qualche altro giocatore, come ad esempio si era ventilato nelle scorse settimane. E che i rapporti tra il clan Icardi e la società nerazzurra siano tornati buoni lo ha affermato la stessa moglie - procuratrice del giocatore che, durante la trasmissione "Tiki Taka" ha chiarito che "la pace sarebbe vicina" e che non ci sarebbero incomprensioni nemmeno tra Mauro Icardi e i compagni di spogliatoio.

Anzi i rapporti si sarebbero rasserenati anche con Giuseppe Marotta. E secondo la procuratrice non sarebbe nemmeno più un problema di soldi. Come si suol dire, per citare Shakespeare, tanto rumore per nulla.