Nel giorno in cui la Basilicata era chiamata al voto per il rinnovo del Consiglio Regionale, si è giocata anche la 25^ giornata del campionato del girone A di prima categoria lucana (Prima Categoria Lucana 2018-2019, girone A). Le vittorie delle prime cinque della classe hanno mantenuto inalterata la classifica.

Prima categoria, girone A: il punto alla venticinquesima giornata

Il Pietragalla, vincendo 2-1 a Barile, con due reti del solito Rocco D'amico (sono 30 in campionato per l'attaccante pietragallese) ha mantenuto salda la sua quinta posizione in classifica e invariata la distanza di tre punti che la separa dal Rapolla sconfitto a Banzi dal Moving on the Green per quattro reti a due.

Pubblicità
Pubblicità

Lo Sporting Lavello non ha invece dovuto faticare più di tanto contro il modesto Sporting Abriola (ultimo in classifica): 5-2 il risultato finale con poker di Vurchio (sono 20 le reti realizzate in campionato dall'attaccante del Lavello) e rete di Rescigno. Nell'anticipo del sabato anche la Viribus Potenza aveva fatto il suo dovere vincendo in rimonta, per due reti ad una, su un agguerrito Pescopagano. In coda importanti vittorie, in chiave salvezza, di Sporting Pignola (due a uno al Città di Vaglio) ed F.S.T. Rionero (tre a zero al Città di Sant'Angelo).

L'Atletico Rapone vince a San Fele, ma resta a tre punti dal Moving che ne fa quattro al Rapolla

Al "Vincenzo Faustino" di San Fele, va in scena il derby della montagna tra l'Atletico Rapone e il San Fele Calcio. Tra le squadre ci sono 36 punti di differenza, ma un derby si sa, non è mai scontato. Il San Fele ha bisogno dei tre punti per allontanarsi dalla zona calda della classifica, il Rapone, dal canto suo, ha bisogno dell'intera posta in palio per continuare a sperare nel primo posto.

Pubblicità

Mister Grieco rimane fedele al suo solito 4-3-3 che tanto bene ha fatto finora. L'undici titolare è praticamente lo stesso che, una settimana fa, ha battuto in casa il Lagopesole (l'unico cambiamento è rappresentato da Lomonaco al posto di Cappiello G.) La partita inizia su ritmi non troppo elevati, le squadre vogliono studiarsi prima. La superiorità del Rapone, in fatto di palleggio è evidente, ma la difesa sanfelese, sapientemente guidata da capitan Di Giacomo, mantiene.

Al 12esimo minuto il vantaggio del Rapone: il reparto arretrato sanfelese gestisce male una palla sulla propria destra, ne approfitta Repole, che entrando in area, dribbla agevolmente il numero 8 sanfelese che nel tentativo di contrastarlo, lo atterra con un evidente sgambetto che l'arbitro, posizionato a pochi passi, non può non sanzionare con il calcio di rigore del quale se ne incarica bomber Cammarota che spiazza il portiere Pace portando in vantaggio il Rapone (19esimo gol in campionato per l'attaccante rionerese).

Pubblicità

Il San Fele mette la palla al centro, ma poco dopo perde per infortunio il suo bomber Graziano G., perdendo di conseguenza anche tutta la sua forza offensiva. Sul finire del primo tempo c'è spazio anche per il secondo gol della squadra biancoblu: ancora una volta Repole, imprendibile, a seminare il panico tra le maglie della difesa sanfelese. Supera in drbbling Sperduto M. che, preso in contro tempo, sgambetta l'avversario: rigore ineccepibile che Cammarota trasforma con freddezza, 2-0 e ventesimo gol in campionato.

Pubblicità

Il secondo tempo è tutto di stampo raponese, (il portiere Muro tocca il pallone solo quando sono i compagni a passarglielo) infatti si registrano tre traverse colpite rispettivamente da Cerone, Marolda e Cammarota e due interventi estremi di Pace su Cammarota e De Martino, quest'ultimo entrato al posto di Repole. Il Rapone con questa vittoria si mantiene in scia del Banzi, il San Fele invece scivola al penultimo posto a parti punti con la F.S.T. Rionero.

Leggi tutto