I media sportivi in questi giorni stanno sottolineando la disfatta della Juventus in Champions League, nonostante la vittoria dell'ottavo scudetto di fila. Tanti addetti ai lavori hanno infatti parlato di "fallimento" completo bianconero, soprattutto perché è stato acquistato uno dei migliori giocatori al mondo (se non il migliore) Cristiano Ronaldo per cercare di vincere la Champions League, con i bianconeri usciti ai quarti di finale contro l'Ajax.

Pubblicità
Pubblicità

Proprio per questo, potrebbe esserci una sorta di 'mezza' rivoluzione per la rosa bianconera, con numerose partenze ed arrivi. L'obiettivo della dirigenza resta la Champions League, come anche sottolineato da Cristiano Ronaldo nel post partita di Juventus-Fiorentina.

Rimanea piccola "disfatta" bianconera in questa stagione, anche se secondo il noto giornalista della Gazzetta dello Sport Pierfrancesco Archetti, si tratta di un fallimento che riguarda non solo la Juventus, ma in generale gran parte dei club di Serie A.

Archetti (GdS):'Se si parla di fallimento Juve, lo è anche per Napoli e Inter'
Archetti (GdS):'Se si parla di fallimento Juve, lo è anche per Napoli e Inter'

Secondo Archetti, il fallimento riguarda anche Napoli ed Inter

Il "fallimento" sportivo non riguarderebbe solo della Juventus, ma anche di tanti altri club di massima serie. E' questa la considerazione di Pierfrancesco Archetti nel suo editoriale per la Gazzetta dello Sport, nel quale sottolinea come anche il Napoli abbia avuto una stagione peggiore rispetto allo scorso anno, quando i campani erano arrivati più vicini alla Juventus in Serie A. Disfatta che riguarda anche l'Inter, soprattutto in Europa League, con la brutta sconfitta negli ottavi di finale contro l'Eintracht Francoforte.

Pubblicità

Anche il Milan che arranca al quarto posto sarebbe un esempio di fallimento, soprattutto per gli ingenti investimenti effettuati dalla dirigenza milanese. Altro esempio di disfatta in Serie A è il Chievo Verona, che dopo diversi anni nella massima competizione, ritorna in Serie B.

Il mercato della Juventus

Di certo, è pronta una sorta di 'mezza' rivoluzione nel mercato bianconero. Dipenderà molto dalla permanenza o meno di Allegri, che Agnelli avrebbe confermato nel post partita di Juventus-Ajax, ma secondo i ben informati potrebbe esserci un cambio in panchina, con Conte che sarebbe il principale indiziato all'eventuale sostituzione del tecnico toscano.

Parlando di mercato, in difesa arriveranno almeno due centrali, i possibili nomi sono Varane, Hummels, Manolas come giocatori esperti, Romero e Ruben Diad come giovani. Anche a centrocampo potrebbero arrivare top player, con Ndombelé, Kanté, Gundogan che potrebbero essere i giocatori ideali per rilanciare le ambizioni della Juventus in Champions League. Nel settore avanzato invece, in caso di cessione di Douglas Costa, il sostituto potrebbe essere Federico Chiesa, centrocampista offensivo della Fiorentina e della nazionale italiana di Roberto Mancini.

Pubblicità

Leggi tutto