L'infortunio occorso ad Alexis Sanchez durante la sfida tra Cile e Colombia rischia di creare qualche grattacapo di troppo ad Antonio Conte. Senza l'attaccante trentenne, infatti, l'allenatore pugliese dovrà giocoforza fare i conti con un reparto offensivo ridotto a tre giocatori: Lautaro Martinez è sicuramente il più in forma dell'intero comparto, mentre qualche dubbio in più aleggia su Romelu Lukaku che nelle sue ultime uscite in maglia nerazzurra non ha di certo brillato.

L'adattamento di Matteo Politano come seconda punta nel 3-5-2 "contiano", invece, è ancora tutto da valutare, anche se l'ex Sassuolo finora quando è stato chiamato in causa ha dimostrato di avere la voglia e la motivazione giuste per ritagliarsi uno spazio importante tra le gerarchie dell'allenatore.

In attesa del mercato di gennaio, quando il club milanese potrebbe completare la rosa acquistando un vice-Lukaku (si parla con insistenza di Lasagna) Antonio Conte potrebbe anche decidere di concedere una chance importante al giovane e promettente Sebastiano Esposito.

Il ragazzo è già stato impiegato e testato dal tecnico salentino durante la preparazione estiva, e le sue performance non sono mai state deludenti, anzi, ha fatto vedere di avere qualità e personalità (seppur ancora acerba, avendo appena 17 anni) per farsi notare nel calcio "dei grandi". Tra le sue giocate migliori, l'assist al bacio fornito a Sensi in amichevole contro il Tottenham e il calcio di rigore procuratosi nella sfida con il Valencia e trasformato da Politano.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Inter

Nei prossimi giorni Conte e la società valuteranno il da farsi: il centravanti campano, infatti, è una delle colonne portanti della Nazionale italiana Under 17 che si accinge a partire per il Brasile per disputare i campionati del mondo di categoria. Tuttavia, a fronte dell'emergenza in attacco, l'Inter potrebbe anche decidere di trattenere il ragazzo a Milano. Se ciò dovesse accadere - con tutto il rispetto per il compagno di squadra - per Esposito si tratterebbe certamente di una grande opportunità per ritagliarsi un inatteso spazio in prima squadra, considerando che tra campionato e coppe il tecnico nerazzurro dovrà certamente fare ricorso al turnover e consegnare in alcune partite una maglia da titolare al bomber di Castellammare di Stabia.

Sanchez costretto a fermarsi per almeno 5-6 settimane

In queste ultime ore si è appreso che Alexis Sanchez ha riportato una lussazione dei tendini peroneali della caviglia sinistra con interessamento del retinacolo dei flessori. Presto rientrerà a Milano per sottoporsi ad ulteriori accertamenti, ma si prevede che dovrà stare lontano dai campi da gioco per non meno di 5-6 settimane. La situazione però è ancora tutta in divenire, perché ci sarà da valutare se sarà necessario sottoporlo o meno ad un intervento chirurgico che dilaterebbe ulteriormente i tempi di recupero.

Sull'infortunio occorso all'ex Manchester United si è espresso Reinaldo Rueda, commissario tecnico del Cile. Questi non ha escluso che il calciatore possa essere operato, sottolineando che in tal caso serviranno almeno due o tre mesi per un completo recupero. L'allenatore colombiano ha aggiunto che questo stop è sopraggiunto nel momento meno opportuno per il trentenne attaccante interista, il quale era in una fase in cui finalmente stava tornando a giocare con continuità e aveva segnato anche due reti.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto