Joaquin Correa viene ormai dato in dirittura d'arrivo, ma l'acquisto del "Tucu" potrebbe non essere l'ultimo in attacco per l'Inter, che starebbe pensando a Gianluca Scamacca. Correa starebbe ormai per diventare un nuovo giocatore della squadra nerazzurra: l'accordo con la Lazio pare sia stato trovato sulla base di un prestito oneroso con obbligo di riscatto che scatterebbe al primo punto conquistato dalla Beneamata nel 2022 e un ulteriore bonus che sarebbe legato alla qualificazione alla prossima Champions League.

Simone Inzaghi verrebbe così accontentato da Marotta e Ausilio: il tecnico piacentino, infatti, fin da subito avrebbe piazzato il centravanti argentino in cima alla lista dei suoi preferiti per il reparto offensivo interista, anche perché lo stima e lo conosce bene, avendo lavorato con lui alla Lazio.

L'attaccante sudamericano dovrebbe giungere a Milano nella serata del 25 agosto, dopodiché l'allenatore nerazzurro spera di poterlo convocare già per la sfida del Bentegodi di venerdì 27 agosto, quando Handanovic e compagni affronteranno l'Hellas Verona di mister Di Francesco.

Il condizionale è d'obbligo prima della firma del contratto destinato a legare Correa all'Inter fino al 2026 con un ingaggio da 3,5 milioni di euro netti all'anno. Infatti, tenendo conto dei rapporti non del tutto idilliaci tra l'amministratore delegato nerazzurro Beppe Marotta e il presidente laziale Claudio Lotito, quest'ultimo potrebbe pensare di frapporre qualche ulteriore ostacolo magari non per far saltare l'affare, ma comunque per rallentarne la definizione.

Una volta completata l'operazione Correa, Marotta e Ausilio potrebbero mettersi a caccia di Scamacca, il quale potrebbe diventare il "colpo di coda" del mercato dell'Inter, da portare a Milano proprio in questi ultimi giorni della sessione estiva.

I problemi fisici di Sanchez potrebbero aprire le porte dell'Inter a Scamacca

L'approdo di Joaquin Correa all'Inter probabilmente non chiuderà il mercato in entrata nerazzurro per quanto riguarda il parco attaccanti.

Il "Tucu" andrebbe ad aggiungersi a Lautaro Martinez, Edin Dzeko e Alexis Sanchez. Proprio quest'ultimo, però, starebbe creando qualche preoccupazione all'allenatore ed ai dirigenti. Il cileno ex Barcellona, infatti, continua ad accusare dei problemi fisici, e la sua tenuta atletica in vista della stagione 2021/2022 non sembra fornire le opportune garanzie su un pieno recupero del calciatore.

Questa situazione starebbe spingendo Marotta e Ausilio a guardare in casa sassuolo dove staziona Gianluca Scamacca. L'attaccante romano che l'anno scorso ha militato nel Genoa in prestito (29 presenze e 12 goal tra campionato e Coppa Italia) potrebbe essere la soluzione giusta per l'Inter come vice-Dzeko e soprattutto per far sì che Inzaghi non si trovi scoperto in caso di ulteriori defezioni di Sanchez.

Il centravanti 22enne sarebbe disponibile a lasciare il Sassuolo dove attualmente, nelle gerarchie del tecnico Dionisi, parte alle spalle di Raspadori e Caputo, e quindi rischia di trovare poco spazio tra i titolari. Sull'ex Genoa ci sarebbero anche altre squadre (Atalanta, Fiorentina e Torino) ma soprattutto l'Eintracht Francoforte.

Scamacca però avrebbe fatto sapere al suo agente Alessandro Lucci che vorrebbe restare in Italia.

Il procuratore del bomber capitolino potrebbe essere un buon viatico per favorire il buon esito di un'eventuale trattativa tra Inter e Sassuolo. Lucci, infatti, è anche il manager di Correa e Dzeko, quindi il club milanese potrebbe appoggiarsi ai buoni rapporti che ha con l'agente per cercare di raggiungere un accordo sulla base di un prestito oneroso con diritto oppure obbligo di riscatto.

Ad ogni modo, prima di tentare l'affondo per l'attaccante del Sassuolo, Marotta e Ausilio dovranno un po' sfoltire la rosa in attacco di qualche esubero. Pinamonti ormai dovrebbe accasarsi all'Empoli in prestito (i toscani verseranno uno dei 2,2 milioni all'anno d'ingaggio), su Lazaro ci sarebbe un discorso aperto col Benfica ma l'austriaco avrebbe qualche dubbio sulla destinazione, mentre Salcedo piace al Genoa.

Il promettente Satriano dovrebbe restare a Milano, a meno che Simone Inzaghi non dia il via libera per una partenza in prestito per dargli la possibilità di accumulare esperienza altrove, e in questo caso potrebbe esserci un testa a testa fra Udinese e Crotone.

Fatto ciò, l'Inter potrebbe poi virare verso Sassuolo per provare ad impostare una "trattativa lampo" per vestire di nerazzurro Gianluca Scamacca magari proprio sul gong finale di questa finestra estiva del Calciomercato.