Non sarà solo il caldo afoso di questi giorni ad alimentare i "bollenti spiriti" ma anche l'aumento dei carburanti nel primo weekend dopo la chiusura delle scuole. I gestori, a seguito degli aumenti di 1,5 centesimi al litro delle case madri, in segno di protesta, dalle 7 del 14 giugno alle 19.30 del 17 giugno garantiranno solo il servizio "servito". Gioco di parole a parte, tutti i "self" saranno disattivati.

Una protesta singolare che sfocerà il 18 giugno con lo Sciopero Generale dei carburanti di 24 ore.

Arriva la bella stagione e si prepara la stangata a chi, dopo un anno di sacrificio, si prepara alle beneamate ferie. Tuttavia, la colpa non è tutta dei gestori, in quanto sul costo dei carburanti pesano 24 centesimi di imposte. Il carburante è il vero "serbatoio" per lo Stato italiano che non riesce a tagliare le spese ma le finanzia con le imposizioni su benzina e gasolio.

La mobilitazione generale è confermata nonostante un incontro presso il ministero dello sviluppo economico tra Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc - Anisa Confcommercio e gli organi competenti.

Si cercherà di scongiurare lo sciopero generale ma le parti restano molto distanti. L'obiettivo è quello di dare un impulso a tutto il settore cercando di abbassare i prezzi che renderebbe meno "caldo" il mercato, anche nell'interesse degli automobilisti, e dovrebbe ricucire i frequenti strappi con i "gestori" che in questi anni hanno imposto condizioni inique al mercato, soprattutto quello italiano.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica

In questa situazione, il consiglio, soprattutto per chi utilizza l'auto per lavoro, è di rifornirsi al più presto, onde evitare rincari selvaggi. 

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto