Se siete in Piemonte, al confine con la Francia, nella zona delle Alpi Cozie, ieri avete sentito una forte scossa di Terremoto, risultata poi essere di magnitudo 2,8. Se non sapete dov'è l'epicentro e quanti danni ha fatto il terremoto, invece, potete collegarvi al sito internet dell'Ingv.

Per avere queste notizie, una volta si accendeva la televisione e si aspettava l'edizione straordinaria del telegiornale; oggi, invece, si può fare molto più velocemente consultando online i dati pubblicati da esperti affidabili.

L'Ingv è l'Istituto Nazionale di Geologia e Vulcanologia e il suo sito internet aggiorna i navigatori di internet in tempo reale sui terremoti che avvengono in tutto il mondo, tramite il monitoraggio di una rete di rilevatori e segnalatori, ma la sua utilità maggiore è quella locale.

La scossa di ieri, 5 giugno, è avvenuta intorno alle 19 ad una profondità di circa 10 chilometri, nel distretto delle Alpi Cozie. L'epicentro è stato individuato in territorio francese, ma l'area di espansione è stata quella dell'Occitania piemontese, cioè della provincia di Cuneo. Il sito internet dell'Invg è stato preso d'assalto da tutti quelli che avevano sentito la scossa e cercavano informazioni.

A dire il vero, quando arriva una scossa di terremoto abbastanza forte da essere pericolosa, l'istinto ci dice che è necessario abbandonare tutto e salvare la propria vita, uscendo di casa e andando in un luogo sicuro, lontano da possibili crolli, e non di collegarci ad internet, però il sito internet di Invg aiuta chi ha il tempo di sedersi a controllare dove e se c'è stato un terremoto, a tranquillizzare e a capire dove sia veramente il pericolo.

E' utile anche alla protezione civile, che così può attivarsi ed essere già pronta per la chiamata ufficiale per le richieste di soccorsi. Inoltre, il servizio dell'Ingv tranquillizza molte persone, rendendo disponibili i dati del terremoto e l'energia con cui ha colpito, oltre che la profondità della scossa.

Più è profondo un terremoto, infatti, meno pericolosi sono gli effetti a breve termine.

Segui la pagina Terremoto
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!