L'orsa si è accasciata subito dopo lo sparo dell'anestetico. Il veterinario ha provato a salvarla ma inutilmente, anche perché era privo delle attrezzature necessarie per tamponare l'evenienza che poi si è verificata. L'orsa non è morta subito ma ci sono voluti 10 minuti. Alla morte della mamma hanno assistito i cuccioli. Ha raccontato alla stampa in un'intervista telefonica una delle quattro guardie forestali che è voluta rimanere anonima: "Quando ci siamo avvicinati l'orsa era ancora viva. Un veterinario ha fatto tutto il possibile per salvarla, ma era privo delle attrezzature cliniche necessarie ed è stato tutto inutile.

Abbiamo provato una tristezza infinita, sopratutto quando i cuccioli hanno provato ad avvicinarsi". (fonte: Tgcom24). Intanto Lega Nord cambia bandiera: dopo la bagarre relativa al banchetto con carne di orso (Ansa - 07/2011) ed aver chiesto misure repressive sull'altare della sicurezza, ora accusa le istituzioni locali di incapacità: si legge in una nota "crediamo che le responsabilità per come si sono svolti tragicamente i fatti, vadano addossate ad una giunta provinciale che non è oggi in grado nemmeno di catturare un orso munito di radiocollare senza ucciderlo» Anche M5S sulla stessa lunghezza d'onda: il "progetto di reintroduzione dell'orso copiosamente finanziato dall'Unione Europea è in mano a dilettanti impreparati e inaffidabili".

(fonte: la voce del trentino).

Gli ambientalisti sono sempre più convinti che si sia trattata di un'esecuzione in piena regola e non sembrano intenzionati a retrocedere sui loro passi. Gli interessi economici: Il partito animalista europeo denuncia l'operato del presidente della Provincia autonoma di Trento, Ugo Rossi, per essersi rifiutato di dialogare con gli ambientalisti, in quanto voleva l'orsa morta, per interessi economici.

Sarebbe pronto un progetto di ampliamento delle strutture sciistiche dopo il recente collegamento funiviario con Madonna di Campiglio. Tuttavia tale progetto sarebbe stato bloccato perché in conflitto con quello europeo relativo agli orsi: il Life Ursus. Per tale motivo il Partito ambientalista europeo ha conferito mandato all'avv. Alessio Cugini, affinché presenti regolare denuncia alla Procura della Repubblica contro l'operato di Ugo Rossi per violazione dell'art.

t. 323 c.p. (Abuso d'ufficio), e art. 544 bis (Uccisione di animali) (fonte: QN).

Le petizioni

Dibattuta anche la questione relativa alla sopravvivenza dei cuccioli. Si chiede l'intervento degli esperti affinché facciano chiarezza sulle vere possibilità di sopravvivenza e se è possibile liberare la figlia di Daniza DJ3 perché possa prendersene cura. DJ3 è rinchiusa da tre anni a Casteller. In proposito è stata lanciata una petizione, diretta al Presidente del Consiglio Matteo Renzi, in cui si legge: "si chiede di valutare con etologi esperti di orsi, una possibile liberazione di DJ3 e affidamento dei due cuccioli di Daniza" (raggiunte attualmente le 1000 firme).

A ciò si aggiungono le petizioni che chiedono alla Commissione europea il blocco dei fondi diretti alla Regione Trentino (raggiunte oltre 1500 firme) (fonte: 'chang), le dimissioni del Ministro dell'Ambiente: Gianluca Galletti (6000 firme) e del Presidente della provincia autonoma di Trento (oltre 18.000 firme) (Fonte: change), giustizia per Daniza affinchè paghino i responsabili (oltre le 23 mila firme) (fonte: 'Avaaz').

Segui la nostra pagina Facebook!