Lo ha dichiarato ufficialmente in questi giorni l'Ambasciatore dell'Iraq presso la Santa Sede: Papa Francesco potrebbe essere un bersaglio per l'Isis, il gruppo estremista che segue la linea dura dell'ideologia di al-Qaida e aderisce ai principi del jihadismo global, per creare clamore mediatico. L'Agenzia ansa del Vaticano ha riferito che le misure di sicurezza in Piazza San Pietro per proteggere il Pontefice sono state raddoppiate ed oltre alle guardie svizzere e tutto l'ispettorato di polizia del Vaticano, ci sarebbero anche la Digos di Roma e pattuglie della squadra mobile.

I luoghi più a rischio che potrebbero essere presi di mira dal terrorismo islamico sono naturalmente quelli di culto, soprattutto la Basilica di San Pietro e quindi di conseguenza questo rappresenterebbe un pericolo per la vita del Santo Padre. Lo scopo principale di questa minaccia è quello di puntare, come spiegato precedentemente, al clamore mediatico, come ha affermato Habeeb Al Sad, l'ambasciatore iracheno in Vaticano, durante un'intervista al quotidiano romano "Il Messaggero" e continua dicendo che i video agghiaccianti che mostrano le decapitazioni, servono soprattutto per terrorizzare il mondo, per far parlare e suscitare scalpore, aggiungendo che avrebbe già contattato alcuni responsabili della Santa Sede per informarli del pericolo che incombe su Papa Francesco da parte dei terroristi dell'Isis.

Il diplomatico iracheno riferisce inoltre di aver invitato il Pontefice ad andare in Iraq e che egli avrebbe accettato volentieri senza però precisare quando, in quanto non dipenderebbe solo dalla sua volontà ma dai suoi impegni. Le misure di sicurezza prese a salvaguardia del Santo Padre smentiscono quindi l'idea delle Autorità italiane e cioè quella che il fondamentalismo islamico non rappresenterebbe alcun pericolo per la nostra Nazione.

Naturalmente la notizia non vuole creare ansie ed allarmismi ma consapevolezza che c'è già una sfida culturale, terroristica e politica da affrontare per la sicurezza di tutti i cittadini italiani.

Segui la nostra pagina Facebook!