Allarme Ebola in Italia. Medico italiano proveniente da Sierra Leone e positivo al virus Ebola sarà trasferito a Roma, all'ospedale Spallanzani, durante la notte. È stato l'Ong Emergency a darne notizia al Ministero della Salute ieri pomeriggio. Tutte le misure di sicurezza sono state attivate quali l'Unità di crisi della Farnesina e l'aeronautica militare. Appena arriverà nella struttura ospedaliera, sarà attivato immediatamente il trattamento clinico.

Saranno, inoltre, messe in atto tutte le attività operative di sicurezza per il trasferimento del paziente all'interno dell'ospedale nel reparto malattie infettive.

Il trasporto per il medico italiano sarà organizzato ad alto biocontenimento ovvero una procedura che permette di movimentare un paziente contaminato da agenti patogeni in tutta sicurezza. In effetti, il trasporto aereo è uno dei principali supporti per le attività di spedizioni scientifiche.

In questa categoria l'aeronautica militare italiana è molto preparata per le situazioni di emergenza per le malattie gravi.

Alcuni strumenti a disposizione per attivare il biocontenimento sono gli equipaggi specializzati e le attrezzature di alto livello tecnologico come ad esempio una particolare barella chiamata Ati (Aircraft Transport Isolator). Una di queste barelle è la IsoArk N 36 che può essere utilizzata per il trasporto aereo e anche in elicottero.

A mettere in moto tutto il trattamento di sicurezza è stato il ministro della Salute Beatrice Lorenzin in accordo con il presidente del Consiglio e i ministri della Difesa, degli Affari Esteri e della cooperazione internazionale.

Appena atterrato, probabilmente durante la notte, il medico sarà ricoverato all'interno della struttura ospedaliera per iniziare immediatamente il trattamento clinico. Secondo alcune indiscrezioni, l'uomo non è, fortunatamente, in forte stato di avanzamento della malattia.

Al momento i sintomi non si sono ancora conclamati. Febbre e altri disturbi non sono, per il momento, presenti. Il medico si alimenta in modo autonomo e non ha problematiche importanti.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto