È accaduto nella città di Runcorn in Inghilterra, un operaio, Alan Catterall di 54 anni, ha perso la vita a causa di un drammatico errore sul lavoro. L'uomo si trovava all'interno di un forno industriale per effettuare alcune riparazioni, un suo collega non si è reso conto della presenza del tecnico all'interno della macchina e ha provveduto a chiuderla, poi successivamente ha azionato l'interruttore di accensione portando la temperatura a 280°C.

L'uomo si è reso immediatamente conto che il collega aveva chiuso il forno inavvertitamente ed ha cercato in tutti i modi di fuggire, tentando di aprire la porta di accesso con un piede di porco, inoltre ha cercato invano di creare del rumore per farsi sentire dagli operai che si trovavano all'esterno, ma senza avere successo a causa del forte frastuono che c'era nei locali dell'azienda.

Alan è morto a causa delle gravissime ustioni riportate in ogni parte del corpo, era sposato e padre di tre figli, la sua morte è stata atroce in quanto è deceduto cosciente e molto lentamente.

La Polizia locale ha avviato le indagini per ricostruire l'esatta dinamica dell'accaduto, i vertici aziendali sono stati denunciati per omicidio colposo in quanto l'uomo non lavorava in sicurezza e per la mancanza di vie di fuga che avrebbero permesso all'operaio di liberarsi e uscire immediatamente da quella macchina infernale.

Un'errore di distrazione sul lavoro che per Alan è stato fatale e non gli ha dato scampo. Ora gli investigatori, devono capire perché è stato azionato il comando di accensione del forno senza controllare prima all'interno, visto che l'uomo si trovava nella struttura per effettuare alcune riparazioni.

L'azienda ha assicurato la sua assoluta collaborazione con le forze dell'ordine, per capire come possa essere successo un incidente così grave e quali sono i motivi per i quali non si è potuta evitare una simile tragedia.

Il collega che ha rinchiuso Alan nel forno, è evidentemente sconvolto e non riesce a darsi pace per quello che ha provocato, anche se inavvertitamente.

Segui la nostra pagina Facebook!