La Scuola dovrebbe essere uno dei posti più sicuri dove lasciare i propri figli, ed è quello che avranno pensato anche i genitori del piccolo bresciano di 3 anni quando, la mattina, lo hanno portato alla scuola materna perché loro dovevano andare a lavorare. Invece purtroppo il piccolo è tornato a casa da scuola quasi cieco da un occhio. Ma ecco i fatti: alla scuola materna del bresciano, durante il momento di gioco, un bambino di 5 anni lancia un cavallino di gomma che sventuratamente colpisce nell'occhio il compagno di giochi più piccolo.

La maestra evidentemente ha ritenuto di poco conto l'accaduto e dopo le prime cure prestate al piccolo ha deciso - in modo del tutto arbitrario - di non chiamare i genitori per farlo uscire anticipatamente, non permettendo loro di effettuare tempestivamente i controlli medici necessari per stabilire la gravità della ferita all'occhio del bimbo.
Quando i genitori sono andati a prenderlo a scuola hanno trovato la "sorpresa": il loro bambino aveva un fortissimo mal di testa e l'occhio - senza ombra di dubbio - era segnato dal colpo inferto dal cavallino di gomma che aveva tirato il compagno di classe. Hanno deciso quindi di portare il figlio al pronto soccorso dove i medici hanno operato il bambino all'occhio infortunato. L'esito dell'operazione purtroppo è stato negativo: il bimbo di 3 anni ha perso quasi completamente la vista dall'occhio ferito. Secondo quanto stabilito dai medici, se l'intervento fosse stato effettuato tempestivamente la perdita della vista poteva essere evitata. I genitori dopo l'ardua sentenza hanno provveduto immediatamente a denunciare la maestra alle autorità con l'accusa di omessa vigilanza. Il fatto è ancora più grave se si pensa che in seguito all'incidente le maestre - colleghe dell'insegnante disattenta - avrebbero sollecitato più volte la donna affinché informasse la famiglia del bambino sull'accaduto, ma la donna ha deciso di sua iniziativa di non intervenire in tal senso. I genitori del piccolo sono infatti stati avvisati dalle colleghe solo dopo che l'insegnante aveva finito il turno, come confermato anche dall'avvocato Alberto Scarpaticci assunto dalla coppia per assisterli nel caso.
Segui la nostra pagina Facebook!