Oggi, giovedì 18 dicembre 2014, si svolgeranno a Santa Croce Camerina in provincia di Ragusa, i funerali del piccolo Andrea Loris Stival, il bimbo di soli 8 anni trovato morto in un canale di scolo dopo giorni di ricerca. Il presunto assassino del piccolo Andrea Loris, resta la mamma Veronica, che attualmente si trova in carcere.

La donna in questi giorni ha sempre ribadito e gridato al mondo intero la sua innocenza, affermando che non avrebbe mai potuto fare del male alla sua creatura: in un primo momento il marito di Veronica, Davide Stival, ha creduto alle parole di sua moglie, poi quando gli inquirenti lo hanno messo di fronte ad una serie di coincidenze davvero misteriose, l'uomo ha rilasciato delle dichiarazioni molto forti nei confronti della donna, affermando che se davvero fosse stata lei per lui poteva anche morire.

Andrea Loris, oggi 18 dicembre l'ultimo saluto: la mamma non ci sarà

Le ultime news ad oggi 18 dicembre 2014 sul caso del piccolo Andrea Loris Stival, rivelano che inquirenti continuano ad essere convinti del fatto che Veronica possa aver ucciso il suo bambino, sebbene nelle ultime ore si faccia strada l'ipotesi che la donna possa aver avuto un complice in questo atroce delitto. Nei giorni scorsi Veronica ha scritto una lunga lettera al marito Davide, dove diceva di essere affranta per ciò che si era venuto a creare e al tempo stesso diceva di sentirsi abbandonata da tutti, anche da lui, al quale chiedeva di credere nella sua innocenza.

La donna, che si trova in carcere, aveva chiesto di partecipare al funerale di suo figlio Andrea Loris oggi a Santa Croce Camerina: la sua richiesta, però, non è stata accolta e quindi Veronica non sarà presente in chiesa.

I migliori video del giorno

Le immagini del funerale del piccolo Andrea Loris saranno trasmesse questo pomeriggio nel corso dell'appuntamento con La vita in diretta, in onda alle ore 16 in punto su Rai1: gli inviati del programma mostreranno al pubblico l'ultimo saluto al piccolo Andrea, che con la sua drammatica storia ha fatto piangere tutto il Paese.