È stato un anno meraviglioso. Grazie di aver contribuito a renderlo tale”. Con questa scritta si apre l’album fotografico che il popolare Social network Facebook sta regalando a tutti i suoi contatti includendo le foto del 2014. Se l’anno scorso gli geniacci alla corte di Mark Zuckenberg hanno pensato a un video, questa volta si tratta di una vera e propria carrellata di foto, che si può anche personalizzare togliendo foto poco gradite e inserendo altre che invece ci piacciono di più perché ci rievocano un bel viaggio o una bella serata o giornata con amici, ma sono stati dimenticati dal sito (che fa tutto in automatico basandosi presumibilmente sul successo in termini di Like delle foto).

Pubblicità
Pubblicità

Per tanti però, il 2014 è stato anche un anno difficile e la Timeline fotografica può rivelarsi solo una beffa e una sofferenza, specie quel titolo succitato che l’anticipa. Come è successo a Eric Meyer, scrittore e consulente di web design, che nell’anno che sta per finire ha visto andar via la sua figlioletta. Eppure Facebook l’ha annoverata tra i ricordi…

Quella brutta foto

La figlia di Eric è stata stroncata così piccola da un cancro al cervello contro cui stava coraggiosamente lottando.

Pubblicità

Ma purtroppo, ironia della sorte, è morta proprio il giorno del suo sesto compleanno. Così, oltre a non essere stato un anno meraviglioso per il professionista, l’uomo ha dovuto pure rivedere la foto del compleanno della piccola tra le foto. L’uomo ha così segnalato la cosa all’assistenza del sito, suggerendo alcune modifiche da applicare sulla timeline, come ad esempio di evitare ci caricare anticipatamente le foto nell’anteprima, richiedendo prima all’utente se sia disposto o meno a rivederle.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Tecnologia

La risposta che gli è stata data, anticipata dalle scuse, è che in futuro si penseranno ad eventuali modifiche per evitare questi spiacevoli inconvenienti. Perché come il povero Meyer, a tanti altri nel Mondo sarà capitato di rivedere foto che rievocano accadimenti tristi. Essendo il sistema basato su algoritmi, non può fare certe valutazioni.

A voi è capitato qualcosa di simile?

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto