I servizi segreti libanesi hanno arrestato una delle mogli e un figlio del capo degli jihadisti dello Stato Islamico, Abu Bakr al-Baghdadi. Secondo fonti vicine all'arresto la moglie del leader dell'organizzazione terroristica è una "figura molto potente pesantemente coinvolta nell'ISIS". Alcune agenzie di stampa francesi tra cui la Reuters, citando funzionari della sicurezza libanesi non identificati, hanno riferito che uno dei figli di al-Baghdadi è stato arrestato. La scoperta dei due è avvenuta più di 10 giorni fa vicino al confine del Libano con la Siria quando hanno cercato di entrare nel paese.

La CNN definisce significativo l'arresto dei familiari di al-Baghdadi perchè molto vicini sia al leader sia all'organizzazione, per la loro presenza fin dall'inizio e perchè conoscono la tattica e il modo di agire dello Stato islamico. I quotidiani americani parlano poi anche di nuove domande da porsi, soprattutto sul perchè i membri della famiglia di al-Baghdadi sarebbero dovuti arrivare in Libano. Se però gli americani esultano, come anche successe quando venne catturato Saddam Hussein o ucciso in un blitz Bin Laden, c'è da assicurarsi che ai due arrestati non succeda niente di spiacevole.

Troppe volte infatti con la scusa dello status di guerra si è passati all'uso della tortura per tirare fuori di bocca al detenuto quello che non voleva dire. Questo è successo anche con gli americani (si pensi a Guantanamo) e c'è ragione di pensare che avvenga la stessa cosa in Libano, dove la moglie e uno dei figli del leader della più grande organizzazione terroristica al mondo sono nelle mani dei servizi segreti che finora hanno riferito molto poco di quello che è veramente accaduto ai due.

Lo Stato Islamico, nato per mano di sei governatori sunniti e di al-Baghdadi stesso nel 2006, si è proclamato indipendente il 3 gennaio 2014 e da circa un anno e mezzo rappresenta un pericolo per il mondo intero per la sua continua espansione territoriale favorita dal debole governo iracheno e dalla guerra civile siriana.

Segui la nostra pagina Facebook!