Secondo quanto emerso dai rilevamenti effettuati dai Carabineri del Ris non ci sarebbero tracce del Dna di Yara sul furgone Iveco daily e sulla Volvo di Massimo Giuseppe Bossetti, muratore di Mapello accusato di essere l'assassino della piccola tredicenne di Brembate di Sopra, provincia di Bergamo. I rilievi del Ris non avrebbero mostrato nessun tipo di traccia, nè impronte digitali, nè fibre e neanche materiale biologico. La perizia che è stata effettuata dal reparto di investigazioni scientifiche dei carabinieri in contraddittorio con i consulenti di accusa e difesa e della famiglia di Yara ha quindi confermato quello che era già trapelato nei mesi scorsi.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Inoltre sempre secondo la stessa relazione depositata in procura a Bergamo, analogo risultato sarebbe stato riscontrato anche sui vestiti e sugli oggetti presenti nella casa dell'uomo che a quanto pare non mostrerebbero nè presenterebbero alcuna traccia della piccola Yara.

Per quanto concerne invece la relazione affidata dal Pm Letizia Ruggeri agli esperti e agli studiosi dell'Università di Pavia relativamente al ritrovamento di peli rinvenuti sul corpo della ragazza e a quella riguardante invece il computer e il telefono di Bossetti vi è ancora da attendere per poter così concludere le lunghe indagini.

Ricordiamo che al fine di questi rilevamenti i carabinieri del Ris avevano preso lo scorso 23 Luglio dalla casa dell'uomo, il quale ricordiamo è chiuso in carcere dallo scorso 16 giugno, ben 34 oggetti tra cui un giubbotto e un paio di scarponi allo scopo appunto di analizzarli. L'uomo continua a rimanere chiuso in carcere a Bergamo nonostante i suoi difensori Silvia Gazzetti e Claudio Salvagni ne abbiano richiesto la scarcerazione, contestando le accuse relative all'uccisione della piccola Yara Gambirasio, che come tutti ricordiamo è avvenuta giorno 26 Novembre 2010 nelle campagne del suo paese.

I migliori video del giorno

Insomma l'ennesimo colpo di scena nella vicenda che potrebbe contribuire a riaprire le indagini e che offrirà ai difensori dell'uomo ulteriori argomenti per chiedere la liberazione.