Le donne che cercano di sfuggire dalla violenza domestica e dai matrimoni infelici affrontano una discriminazione sistematica nei tribunali religiosi del Libano. A dirlo è la Human Rights Watch, che ha esortato il paese mediorientale a riformare il sistema giudiziario. I diritti delle donne sono violati in tutto il sistema libanese, con 15 leggi di stato personale a seconda dei sessi e basata sulla religione. "Non solo sono cittadini libanesi di diverse religioni trattati in maniera diseguale sotto la legge, ma le donne sono trattate ingiustamente su tutta la linea.

I loro diritti e la loro sicurezza vanno protetti", ha detto Nadim Houry, vice direttore per il Medio Oriente di Human Rights Watch. Mentre il codice legale del Libano è in gran parte laico, le leggi dello stato personale danno a musulmani, cristiani, ebrei e drusi, quindi alle autorità del paese, il controllo di molti affari civili, tra cui il matrimonio, il divorzio e la custodia dei bambini.

Il Parlamento libanese ha approvato una legge lo scorso aprile progettata per frenare la violenza domestica, ma gli attivisti hanno detto che era stata annacquata così tanto che avrebbe fornito una protezione limitata per le donne.

Il rapporto, che ha esaminato 447 sentenze emanate di recente dai tribunali religiosi, ha scoperto che le donne spesso devono affrontare difficoltà di ordine giuridico quando cercano il divorzio, la protezione dalla violenza domestica o la tutela dei loro figli dopo il divorzio.

Una donna, Mireille, ha detto all'Hrw che aveva sofferto anni di abusi fisici e temeva di perdere la custodia delle figlie a causa di disposizioni di custodia discriminatorie.

"Mi sono imposta di portare là ciò che un essere umano può sopportare, tutte le ingiustizie e le violenze", ha detto. Un'altra donna intervistata nel rapporto, Nur, ha detto che il giudice le aveva consigliato di cambiare il suo abbigliamento e il suo stile di vita e riconciliarsi con il marito, che aveva l'aveva picchiata e violentata. Gli attivisti da anni hanno invitato il governo ad adottare una legge di stato civile.

Anche se il Libano offre alcune libertà alle donne negate nel mondo arabo, lo scorso anno il Libano è stato uno dei peggiori dell'indice globale sul divario di genere: 135 ° su 142

Segui la nostra pagina Facebook!