Nell'ultima puntata del noto programma Rai Chi l'ha visto, la presentatrice Federica Sciarelli ha intervistato una rappresentante della Polizia di Stato, per avere ragguagli sugli ultimi sviluppi delle indagini circa l' omicidio del piccolo Loris Stival. Il corpo del bambino è stato ritrovato circa due mesi fa senza il suo zainetto "Toy Story", questo oggetto potrebbe essere un punto di svolta per avvicinarsi alla verità di come siano andate realmente le cose. La dottoressa Vinzy Siracusano si è gentilmente offerta di rispondere alle domande della Sciarelli; Siracusano afferma che l'Arma dei carabinieri e Polizia di Stato stanno collaborando per arrivare alla verità il più celermente possibile.

Entrambe le entità hanno lanciato un appello affinche lo zaino del piccolo Loris venga ritrovato; la sua particolare foggia sgombra qualsiasi confusione ed equivoci possibili con altri simili. La dottoressa Siracusano ha poi detto che anche una possibile ubicazione del luogo in cui sia stato visto per l'ultima volta l'oggetto potrebbe essere utilissima per lo sviluppo delle indagini in corso, anche perché non ci sarebbe stato il tempo materiale per nasconderlo in maniera introvabile.

Le forze dell'ordine han fatto un lavoro certosino, a Ragusa sono stati controllati persino i cassonetti dei rifiuti, arrivando a bloccare la raccolta differenziata nel paese. Secondo la Siracusano, all'interno dello zainetto potrebbe addirittura esserci l'arma del delitto, anch'essa mai ritrovata, infatti se lo zaino non era accanto al corpicino del piccolo Loris, probabilmente il colpevole ha avuto una buona ragione per farlo sparire.

I migliori video del giorno

Ancora si ignora cosa sia successo realmente tra le 9:00 e le 10:00 del 29 novembre 2014, in quel lasso di tempo qualcuno a Ragusa mette fine alla vita del piccolo Loris Stival, subito dopo il bambino viene trascinato verso un canale; sono stati ritrovati resti d'erba sulla parte frontale delle scarpine, ma non sotto le suole, come sarebbe stato naturale se il piccolo fosse arrivato lì con le sue gambe. I segni lasciati dall'erba, sono solo sulla parte laterale del piede destro, Loris era stato portato in tal luogo quando era oramai esanime da qualche minuto. Questo dato è stato confermato anche da un altro particolare: Loris ha sbattuto la testa da un'altezza di circa 3,10 metri, eppure ha perso pochissimo sangue. Tutto ciò lo si può spiegare, perchè in quel momento il suo cuore aveva già smesso di battere, ma è davvero possibile che Loris abbia realmente marinato come sostiene la madre ed abbia poi incontrato il suo assassino? Il mostro in questione si tratterebbe di un individuo abbastanza astuto e veloce da togliergli prima le mutandine, rimettergli i pantaloni, stritolarlo con delle fascette da elettricista, ed infine trasportarlo via senza lasciare tracce; una ricostruzione questa che risulta però improbabile da parte degli inquirenti.