Karim Wade, il figlio dell'ex presidente senegalese Abdoulaye Wade, ha proseguito lo sciopero della fame dopo essere stato "picchiato e ferito" in tribunale dove è sotto processo per corruzione durante il suo mandato come ministro. Questo hanno ribadito i suoi avvocati e sostenitori giovedì scorso. Karim ha iniziato lo sciopero della fame mercoledì e continuerà "fino a quando i suoi diritti non saranno rispettati e non vi sarà un processo equo, in cui quelli della difesa saranno garantiti", ha dichiarato l'avvocato Mohamed Seydou Diagne all'AFP.

Secondo i suoi avvocati e sostenitori Wade ha rifiutato di comparire in tribunale da mercoledì in assenza del suo team di difesa dopo che uno di loro è stato "espulso dalla audizione" dal presidente della Corte Henri Gregoire Diop e dai colleghi dell'avvocato.

Dopo aver rifiutato di comparire, Wade è stato "portato all'udienza con la forza, ammanettato, picchiato duramente, trascinato a terra e ferito", secondo un comunicato del Partito democratico senegalese guidato da suo padre, che è stato presidente del Senegal dal 2000 al 2012.

Le accuse contro Karim Wade

Karim Wade, in carcere dall'aprile del 2013, è stato processato dal luglio dello scorso anno da un tribunale speciale noto come il CREI. È accusato di aver acquisito aziende illegalmente e immobili del valore di quasi 240 milioni dollari (180 milioni di euro) durante il suo mandato come ministro e consigliere di suo padre.

I suoi avvocati non erano presenti all'udienza di giovedì. "Saremo presenti quando i diritti della difesa saranno garantiti. In caso contrario si rischia di avallare giurisdizioni indegne di una democrazia", ​​ha detto l'avvocato Diagne.

"Ognuno ha il diritto di parlare, tranne la difesa" nel processo, Cire Cledor Ly, un altro degli avvocati di Wade, ha detto ai giornalisti. Ma l'avvocato Yerim Thiam ha detto che l'udienza di Wade è stato sospesa mercoledì perché stava "bloccando" il lavoro del tribunale.

Wade junior era una figura estremamente divisionista nella politica senegalese nella corsa alle elezioni presidenziali nel marzo 2012 e godeva dell'appoggio del padre per la candidatura alla Presidenza. È stato spesso criticato per presunta cattiva gestione delle finanze pubbliche ed è stato soprannominato "super-ministro", e "il ministro della Terra e il cielo", dopo che suo padre lo mise a capo dei portafogli di cooperazione, di trasporto aereo, delle infrastrutture e dell'energia internazionale.

Segui la nostra pagina Facebook!