La vicenda si è svolta nel padovano. Un ex Carabiniere (ormai sospeso dall'Arma), attraverso un profilo Couchsurfing, ospitava ragazze provenienti da ogni parte del mondo. Dopo averle accolte con gentilezza e dopo averle fatto fare giri turistici, le faceva ubriacare con del vino, chiamato da lui "vino speciale", le drogava con del sonnifero (poi ritrovato nella sua abitazione e sequestrato ) ed infine abusava di loro. L'uomo si chiama Dino Maglio ma era conosciuto come Leonardo.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Ha 35 anni. Denunciato per la prima volta l'anno scorso, ha scontato un anno di domiciliari. A muovergli accusa una giovane australiana che era stata ospitata insieme alla madre e alla sorella.

è stata proprio la madre della ragazza a capire che fosse successo qualcosa di molto grave, dopo aver trovato la figlia nel letto dell'uomo, senza mutandine e in uno stato di semi incoscienza.

Dino torna in libertà, e subito si riscrive con un nuovo profilo allo stesso sito e continua ad adescare turiste straniere. Questa volta sono ben 16 le ragazze che lo accusano di violenza sessuale. I loro racconti sono tutti molto simili, le dinamiche dei fatti identiche. Queste ragazze appartengono a nazionalità disparate: donne polacche, portoghesi, americane, 3 amiche della Repubblica Ceca, 2 di Hong Kong, 1 Tedesca, 1 Argentina, 1 Canadese, 1 Armena e 1 Australiana. Così si sfoga una giovane polacca: "Mi sono ritrovata nel letto con Dino, ero intorpidita, non riuscivo a muovermi.

I migliori video del giorno

Quando ho ripreso conoscenza mi stava violentando". Si espone anche una Portoghese: "Siamo tornati alle 6 del mattino, lui ha insistito a volerci far bere del vino speciale. Ad un certo punto vedevo doppio, non riuscivo più ad alzarmi. Ha iniziato a toccarmi, si è sdraiato su di me e io non riuscivo ad andare via. Poi non ricordo più niente". "Leonardo" nega le accuse e si difende dicendo che le giovani turiste fossero tutte consenzienti. L'uomo è stato immediatamente arrestato e si trova nel carcere di Santa Maria Capua Vetere. Il pm è Giorgio Falcone. Il processo avrà inizio il 17 Marzo.