Non si fermano le indagini per scoprire la verità sul caso di Yara Gambirasio, la tredicenne ginnasta di Brembate di Sopra scomparsa il 26 novembre di cinque anni fa e ritrovata senza vita in un campo, non troppo lontano dove abitava con la sua famiglia. Si sta stringendo sempre di più il cerchio su Massimo Bossetti, l'unica persona sospettata di avere ucciso la ragazzina; il quarantaquattrenne muratore di Mapello si trova ancora rinchiuso nel carcere di Bergamo. Nelle ultime ore sono emerse altre intercettazioni sconvolgenti di Massimo Bossetti; questa volta il carpentiere ha un dialogo con il fratello Fabio. 

Ultime news Yara Gambirasio, altre intercettazioni shock di Massimo Bossetti, tutti i dettagli

Nell'ultima intercettazione emersa, riportata dal sito "Urbanpost", Massimo Bossetti sta parlando con il fratello, al quale confida i suoi stati d'animo e le sue paure, ribadendo di essere completamente estraneo ai datti che lo vedono imputato: "Sono innocente, innocente, e lo ribadirò fino alla fine; pretendo di sapere se quel Dna è mio, non so come cavolo sia finito lì".

Il dialogo tra il muratore di Mapello ed il fratello Fabio risale al 23 dicembre dell'anno scorso; Massimo Bossetti si dichiara assolutamente innocente, ma nello stesso tempo si rende conto di rischiare l'ergastolo e si lascia andare ad una dichiarazione shock: "So che rischio l'ergastolo, ma se mi condannano giuro che la farò finita: non è giusto che un innocente debba andare in carcere". 

Ultime news Yara Gambirasio, Massimo Bossetti non ha scampo? 

Nonostante Massimo Bossetti continui a dichiarare la sua innocenza, pare che la svolta definitiva sulla sua posizione sia ad un passo. Sono infatti molto numerose le prive a suo carico; secondo le ultime indiscrezioni, infatti, una testimone, la signora Azzolin, ha giurato di avere visto il muratore di Mapello in compagnia di Yara Gambirasio due mesi prima che la tredicenne ginnasta venisse uccisa.

I migliori video del giorno

Inoltre, dalle perizie informatiche è emerso che le parole più ricercate su Internet da Massimo Bossetti sono "tredicenne rossa, vergine". Pare dunque che il carpentiere fosse ossessionato dalle ragazzine con i tratti molto simili a Yara Gambirasio.