Non si fermano le indagini sul caso di Yara Gambirasio, la tredicenne ginnasta di Brembate di Sopra trovata morta il 26 novembre di cinque anni fa. L'unica persona accusata per l'omicidio della ragazzina è Massimo Bossetti, quarantaquattrenne muratore di Mapello che si trova rinchiuso nel carcere di Bergamo dal 16 giugno scorso. Dopo la decisione della Cassazione, che ha confermato il carcere per il carpentiere, emergono news davvero clamorose sull'uomo. Il pm Ruggeri ha chiuso ufficialmente le indagini preliminari su Massimo Bossetti, l'uomo accusato di avere ucciso Yara Gambirasio. Secondo le ultime indiscrezioni, riportate dal sito "socialchannel.it", sono emersi nuovi elementi a carico del muratore di Mapello.

Dall'analisi di alcune intercettazioni con la moglie Marita Comi, si arguisce che Massimo Bossetti solitamente "piangeva a comando". Inoltre, secondo quanto riporta il "Corriere della Sera", la moglie del carpentiere avrebbe espresso dei dubbi circa la sua innocenza, come dimostrano le intercettazioni, nelle quale Massimo Bossetti pare abbia rilevato un particolare climatico che riguarda il giorno della morte della piccola Yara Gambirasio. 

Yara Gambirasio, la posizione di Bossetti si aggrava ulteriormente

Ma la posizione di Massimo Bossetti si aggrava anche per altri elementi; un testimone, infatti, ha raccontato di avere visto più volte il carpentiere aggirarsi fuori dalla palestra abitualmente frequentata da Yara Gambirasio. Il quarantaquattrenne muratore di Mapello, inoltre, sarebbe stato notato in un supermarket dove si recava spesso anche la tredicenne ginnasta, dal momento che è situato vicino alla sua casa.

I migliori video del giorno

Ma non è tutto: c'è infatti un altro elemento che potrebbe inchiodare definitivamente Massimo Bossetti: l'uomo, infatti, dopo sette giorni dalla scomparsa della tredicenne ginnasta. si sarebbe recato in un bancomat situato nei pressi dell'abitazione di Yara Gambirasio. Secondo gli inquirenti non si tratta solo di coincidenze; Massimo Bossetti sarà incastrato definitivamente? Occorre attendere gli sviluppi delle prossime indagini.