Grande paura ieri mattina alla Scuola elementare "Enrico Pessina" di Ostuni (Brindisi). Un pezzo di intonaco si è staccato dal soffitto ed ha ferito due bimbi di 7 anni, ricoverati in ospedale in condizioni definite serie ma non gravi. Ferita anche una maestra, scivolata mentre cercava di mettere in sicurezza i piccoli. L'edificio è stato immediatamente evacuato e posto sotto sequestro. Il sindaco di Ostuni, Gianfranco Coppola, dopo essersi recato in ospedale per visitare i bambini feriti, ha disposto la sospensione delle lezioni fino a data da destinarsi.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Scuola

Una ristrutturazione criminale

L'episodio farebbe facilmente pensare alle fatiscenti condizioni in cui versano molti istituti in tutto il Paese, ma in questo caso la situazione è ancora più grave e sconcertante: l'edificio è stato infatti appena riaperto dopo 4 anni di lavori di ristrutturazione, in cui sono stati rifatti gli intonaci di tutte le aule.

Il sottosegretario all'istruzione Davide Faraone ha così commentato (come riportato da ansa.it): "È intollerabile ed inqualificabile il fatto che questa scuola era stata consegnata appena a gennaio e che qualche settimana dopo crolli il soffitto. Accerteremo le responsabilità". Al di là delle consuete dichiarazioni di circostanza della politica, l'unica certezza al momento sono i bambini in ospedale e la rabbia dei genitori.

La triste storia dei crolli in aula

Quello di Ostuni è solo l'ultimo di una serie di incidenti anche tragici, accaduti negli istututi italiani negli ultimi anni. L'ultimo soltanto 2 settimane fa in una scuola media di Campi Bisenzio, col ferimento di 2 ragazzi. L'episodio più grave rimane quello del 22 novembre 2008 al liceo "Darwin" di Rivoli, vicino Torino: a causa del crollo del soffitto di un'aula, muore il 17enne Vito Scafidi, altri 18 studenti rimangono feriti ed uno resta paralizzato.

I migliori video del giorno

Per i fatti di Rivoli la Cassazione ha recentemente confermato sei condanne, tre a carico di funzionari della Provincia di Torino responsabili per l'edilizia scolastica, e tre per gli insegnanti responsabili della sicurezza.