Ieri 14 maggio, dopo mesi di silenzio, il leader del gruppo terroristico dello Stato Islamico ha parlato per la prima volta attraverso una registrazione sonora pubblicata su tutti i siti web di riferimento jihadista.

"Faccio appello a tutti i musulmani, di ogni parte del mondo, di emigrare verso lo Stato islamico e di lottare ovunque vi troviate contro l'infedele". Questo, in sintesi, è l'accorato appello di Abu Bakr al-Baghdadi.

L'autenticità della registrazione non è ancora stata confermata da nessuna delle varie agenzie d'intelligence che monitorano l'organizzazione terroristica islamica.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Diversi media, nei mesi scorsi, avevano asserito che al-Baghdadi era stato gravemente ferito, alcuni affermavano che era addirittura morto, a causa di un attacco aereo della coalizione in Iraq nel marzo scorso.

La registrazione sembra recente e la voce che legge il testo nell'audio pubblicato, che dura circa trenta minuti, tuttavia sembra essere la stessa di quella di altre precedenti registrazioni di Abu Bakr al-Baghdadi, l'ultima delle quali era stata pubblicata a novembre dello scorso anno. Il leader del Califfato jihadista ha anche criticato i civili sunniti che stanno fuggendo dai combattimenti nella provincia di Al-Anbar, nell'Iraq occidentale, per cercare rifugio a Baghdad o nei territori controllati dal governo iracheno. Abu Bakr al-Baghdadi li ha esortati a tornare alle loro case e di unirsi ai fratelli dello Stato islamico, garantendo loro che solo il Califfato può essere considerato un "porto sicuro" per tutti i musulmani. Nel suo discorso ha elogiato i combattenti di Al-Anbar per essere riusciti a mantenere le loro posizioni e per aver guadagnato terreno nonostante gli attacchi aerei della coalizione internazionale e le operazioni di terra del governo iracheno.

I migliori video del giorno

Al-Baghdadi ha anche invitato i jihadisti di quella provincia di avanzare verso Baghdad e la città santa sciita di Kerbala, a sud di Baghdad. Il leader jihadista si è scagliato anche contro l'Arabia Saudita, accusandoli di condurre una campagna aerea contro i ribelli sciiti in Yemen solo per compiacere l'Occidente.

Verso la fine della registrazione Abu Bakr al-Baghdadi ha inteso avvertire l'Occidente: "Il Califfato non risparmierà alcuno sforzo o possibilità fino a quando non avremo fatto scomparire dalla Terra l'ultimo di voi".