Nuovi guai giudiziari per Marcello Dell'Utri, ex parlamentare di Forza Italia rinviato a giudizio dal giudice per l'udienza preliminare di Roma Riccardo Amoroso. Il reato contestato, per il quale si deciderà con il processo la cui udienza è fissata al prossimo 22 dicembre, è quello di violazione della legge Anselmi. Tra gli altri organi di stampa ne danno la notizia Il Fatto Quotidiano e l'Huffington Post. Dell'Utri avrebbe violato la legge Anselmi, facendo cioè parte di una presunta società segreta, definita P3, nata per influenzare gli organi dello stato. Dell'Utri era già balzato all'attenzione della cronaca nel caso Pasolini, le cui indagini sono state recentemente archiviate, per aver affermato, notizia poi smentita, di essere in possesso del capitolo scomparso del romanzo Petrolio scritto proprio da Pasolini.

Reato contestato: associazione segreta per influenzare lo stato

Il reato contestato all'ex parlamentare, già condannato in via definitiva a 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa, è quello di fare parte di una società segreta, definita P3, nata con l'intento preciso di influenzare lo stato italiano. Come riportato anche da Blitz Quotidiano, Dell'Utri rientra tra i condannati in via definitiva per i quali si è disposto il blocco dei vitalizi, anche se Grillo definisce il blocco una "farsa" spiegando i motivi per i quali si potrebbe trovare una scappatoia al blocco stesso. Attualmente Dell'Utri si trova in carcere a Parma per un altro procedimento.

Tutti i rinviati nell'affare dell'eolico in Sardegna

L'Huffington Post tra gli altri rivela i dettagli della vicenda giudiziaria.

I migliori video del giorno

Dell'Utri, riporta il quotidiano, avrebbe fatto parte di una società segreta nata con l'intento mirato "secondo la Procura, di condizionare il funzionamento di organi costituzionali e di rilevanza costituzionale nonché apparati della pubblica amministrazione dello Stato e degli enti locali". L'accusa riguarda i rapporti di Dell'Utri con Flavio Carboni, l'imprenditore già rinviato a giudizio per l'inchiesta del cosiddetto "business dell'eolico in Sardegna".