La prima catena ad essere inaugurata sul web tramite i social network fu il "Drink challenge", in cui si nominavano più persone a bere una birra o un cocktail tutto d'un fiato pena il pagare da bere. Molte furono le conseguenze, tra ragazzi in coma etilico ed aumento di incidenti stradali. A seguire, il celebre "Ice bucket challenge", gesto simbolico fatto da profani e celebrità, in cui ci si rovesciava addosso un secchio d'acqua ghiacciata nella lotta contro la SLA.

Charlie Challenge

Stavolta, però, la faccenda diventa più complicata. «Gioca con i fanti, ma lascia stare i santi», recita un famoso detto, che negli ultimi tempi, a loro rischio e pericolo, gli adolescenti non rispettano. Sul web, infatti, sta cominciando a circolare il "Charlie challenge", un gioco collegato con l'esoterismo. I ragazzi filmano una seduta spiritica nel corso della quale chiedono le cose più disparate a persone ormai defunte.

Nei video sono inquadrate due matite che dividono un foglio in quattro parti: nelle prime due si scrive "sì", nelle altre "no". Prima di formulare il quesito, bisogna enunciare una preghiera grazie a cui la matita prenderebbe a muoversi da sola. La risposta del morto è affermativa o negativa in base al lato del quadrante verso cui la punta si posiziona. Molti sono i sacerdoti di religione cattolica che si sono schierati in prima linea contro il "Charlie challenge", da loro definito un'autentica sfida al demonio.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Il caso di Napoli

In seguito ad una straziante crisi di nervi che l'ha colta sull'autobus, una ragazza napoletana di quindici anni è stata ricoverata in ospedale. Stando alla testimonianza di una sua amica, qualche giorno prima avrebbe praticato il "Charlie challenge". La dottoressa Rosanna Saccone, di servizio sull'ambulanza che l'ha soccorsa, è rimasta scioccata dall'accaduto, rivelando tutto il suo turbamento.

Della stessa opinione il dottor Vincenzo Tipo, responsabile del primo soccorso all'ospedale Santobono.

Stando alle sue dichiarazioni, la ragazza sarebbe il terzo caso di ricovero collegato al gioco esoterico.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto