Non è stata ancora scoperta la verità sul caso di Domenico Maurantonio, il ragazzo morto precipitando dal quinto piano dell'hotel "Da Vinci" di Milano, dove si trovava in gita con la scuola, per visitare l'Expo. Le ultime notizie sul caso provengono dalla prima puntata di "Estate in diretta", nella quale Eleonora Daniele e Salvo Sottile hanno parlato a lungo della triste vicenda avvenuta nella notte tra il 9 e il 10 maggio. Ecco tutte le nuove indiscrezioni su questo complesso caso che ha letteralmente sconvolto l'opinione pubblica. 

Ultime news Domenico Maurantonio, due ragazzi vogliono parlare: è la svolta del caso?

Domenico Mauratonio era un ragazzo con numerose qualità, ben voluto da tutti e amato dalla sua ragazza; il diciannovenne aveva un buon rendimento scolastico e si era sempre molto impegnato per raggiungere i suoi obiettivi.

Nella prima puntata di "Estate in diretta, è emersa un'importante indiscrezione sul caso di Domenico Maurantonio: due compagni di classe del diciannovenne, infatti, hanno dichiarato di volere raccontare tutto quello che è successo. Il legale della famiglia di Domenico ha affermato di essere pronto a raccogliere la loro testimonianza, che potrebbe portare finalmente alla svolta del caso. L'avvocato, il dottor Stefani, ha inoltre aggiunto di essere disponibile a raggiungere Padova per sentire le loro dichiarazioni. Intanto, dopo il silenzio assordante dei giorni successivi alla scomparsa del ragazzo, alcuni suoi compagni di classe hanno deciso di parlare e hanno ricostruito quanto avvenuto fino alle 5.30 di quella fatidica notte. Gli studenti hanno dichiarato di avere parlato per qualche ora con Domenico, affrontando diversi argomenti, dalla scuola alle ragazze.

I migliori video del giorno

Hanno anche riferito che nessuno di loro sarebbe stato ubriaco: "Avevamo solo una bottiglia di un liquore alla prugna, ma nessuno di noi ha esagerato. Ci siamo addormentati verso le 5 e 30 e Domenico a quell'ora era nel letto: non sappiamo che cosa gli sia accaduto tra le 5 e 30 e le 7.30". C'è dunque un "buco" di due ore sul quale gli inquirenti stanno concentrando le loro attenzioni.