Si è svolta oggi, 26 giugno 2015, a Meta di Sorrento, l'anteprima nazionale del libro "memoriale" dell'ex comandante Francesco Schettino, noto alla cronaca per essere ritenuto il responsabile del naufragio della Costa Concordia. Il libro, dal titolo "Le verità sommerse" è stato scritto a quattro mani con la giornalista Vittoriana Abate e sembra preannunciarsi un grande successo. Schettino si è presentato nella location scelta abbronzatissimo e sorridente più che mai, proprio come una vera star.

E proprio da star è stato accolto

Una folla entusiasta ad accoglierlo, tra applausi, foto e dediche sulle copie del libro che sembra già aver preso la buona strada verso il successo.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Libri

Di fronte a tanto affetto, l'ex comandante si è lasciato andare, raccontando i motivi che lo hanno spinto a scrivere questo memoriale nel quale ripercorre, attraverso gli atti del processo e minuto dopo minuto, l'incidente disastroso della Costa Concordia, partendo dal quello sfortunato 13 gennaio 2012 fino ad arrivare agli avvenimenti verificatisi dopo la sentenza dell'11 febbraio 2015.

Sembra un divo del cinema Schettino

Sorride alla folla e si gode questo successo che sembra l'inizio di una nuova vita. Nel suo libro, oltre 600 pagine di verità (afferma il comandante), tra le parti importanti di quella tragica notte, le dichiarazioni rilasciate durante il processo dai passeggeri e membri dell'equipaggio. Ma non solo, nel corso del libro vengono raccontate quelle che secondo l'ex comandante sono le "sviste" nelle indagini oltre alle intercettazioni ambientali inedite. "Ho affidato a queste pagine le mie riflessioni, le mie valutazioni e quegli aspetti emotivi che le hanno accompagnate e finora mai raccontate" spiega Schettino, concludendo che il libro è una risposta ai tanti quesiti rimasti in sospeso e dedicato a chi, quella notte, ha perso persone care poiché a loro è dovuta la verità. Parole sicuramente ben studiate, proprio come questo libro che potrebbe essere una svolta nella "carriera" di Schettino.