Nel misterioso caso della morte di Loris Stival, sorge un altro problema: il figlio minore Diego soffre tremendamente l'assenza della mamma Veronica. Lo rivela un ampio reportage pubblicato dalla rivista "Panorama", nel quale viene spiegata in maniera chiara e dettagliata la sofferenza di un bambino di quattro anni al quale è stata tolta la madre da più di sette mesi.

L'intervento di un neuropsichiatra infantile

I servizi sociali, con una nota, hanno richiesto la presenza di un neuropsichiatra infantile, per valutare le condizioni psicologiche del piccolo Diego, dal momento che un atto ufficiale del Tribunale dei Minori di Catania, ha nominato dei consulenti per poter decidere se sottrarre la potestà genitoriale a Veronica Panarello.

Contro Veronica (scrive Panorama), si sono schierati praticamente tutti, anche il marito ha scelto contro di lei la linea dura. Alla donna era stata negata anche la presenza al funerale del figlio, tanto da non accettare nemmeno i suoi fiori, giunti dal carcere, i quali sono rimasti sui gradini fuori dalla chiesa.

Il diritto di un bambino ad avere la sua mamma

Ora il Tribunale dovrà valutare la possibilità di far incontrare il piccolo Diego con la sua mamma, tenendo conto della "presunzione di non colpevolezza" (continua Panorama). La decisione dovrà essere presa per evitare ulteriori danni di carattere psicologico ad un bambino di quattro anni, il quale avrebbe pieno diritto a rivedere la madre. Se la richiesta verrà accolta, si potrà procedere magari in modalità protetta, seguita e vigilata dall'Autorità Giudiziaria.

I migliori video del giorno

Ma le domande principali sono: e se Veronica fosse veramente innocente? Quali sarebbero le conseguenze? Ed in quale direzione potrebbero andare le indagini, da momento che non si è seguita mai una pista alternativa?

Gli interrogativi cominciano ad essere veramente troppi, in un caso ricco di misteri e di avvenimenti inspiegabili, come ad esempio l'individuazione del movente. Cosa avrebbe spinto una madre ad uccidere così barbaramente suo figlio, per poi buttarlo come un sacco di spazzatura in un canalone? Ci lasciamo con innumerevoli domande senza risposta, sperando che il processo porti alla luce la verità, qualsiasi essa sia.

Se vuoi rimanere aggiornato sui miei articoli, oppure su questo argomento, clicca sul bottone "Segui" vicino al mio nome ad inizio articolo.