Ismaele Lulli, il ragazzo di 17 anni trovato morto lunedì mattina nel Pesarese, esattamente in un dirupo nelle campagne di Sant'Angelo in Vado, è stato molto probabilmente assassinato; tuttavia, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi.

Il ritrovamento

Lo studente, trovato con una grossa ferita alla gola causata da un'arma da taglio, secondo quanto emerso, potrebbe essere stato ucciso in un altro luogo per poi essere trasportato lì, nei pressi della chiesa di San Martino in Selvanera.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

I carabinieri del Comando provinciale di Pesaro Urbino, capitanati dal colonnello Antonio Sommese stanno interrogando in queste ore due ragazzi albanesi, non ancora in stato di fermo, ma comunque sospettati per omicidio.

Ad avvisare i carabinieri e a trovare il corpo senza vita di Ismaele è stato un macellaio della zona. Il cadavere era riverso a terra con del nastro adesivo sul petto e la t-shirt intrisa di sangue. Inizialmente si pensava avesse anche i polsi legati, ma si è trattato di un dettaglio non vero.

Le indagini 

I Ris stanno continuando le ricerche e sono state predisposte l'autopsia e gli esami tossicologici del caso per constatare se il ragazzo avesse assunto droga. Gli inquirenti hanno anche rinvenuto 2 zaini nel bosco nei pressi del luogo del ritrovamento del corpo.

Ismaele era scomparso domenica mattina e sua madre, non vedendolo rientrare el pomeriggio, ne avrebbe denunciato la scomparsa alle forze dell'ordine.

Le persone che lo conoscevano, ricordano Ismaele come un ragazzo sopra le righe, sembra addirittura che assumesse droghe e che ultimamente frequentasse persone poco raccomandabili.

I migliori video del giorno

Tuttavia ai carabinieri non risulta che spacciasse e, comunque, secondo loro il ragazzo faceva uso solo di droghe leggere.

Perché Ismaele è stato ucciso? 

Quindi la droga sarebbe solo una delle tante piste plausibili da seguire. Intanto, gli inquirenti stanno ascoltando amici, parenti, madre e fidanzata del ragazzo, perché secondo le forze dell'ordine il motivo dell'omicidio potrebbe essere anche collegato a uno sgarro per questioni di ragazze o a debiti non risanati. Gli investigatori starebbero anche vagliando l'sms inviato dal telefono di Ismaele: 'Non mi cercate, voglio cambiare vita, vado verso Milano', per ritardare le indagini.