L'andamento demografico, ipotizzato dalle Nazioni Unite, che si riflette in un rapporto appena pubblicato, conferma la crescita diseguale della popolazione mondiale tra paesi e continenti. Il documento, preparato dal Dipartimento degli Affari Economici e Sociali delle Nazioni Unite, ha detto che l'Africa avrà i più alti tassi di crescita della popolazione e l’India supererà la Cina come paese più popoloso del mondo nel 2022, con circa 1.400 milioni di abitanti.

L'Africa è il continente con la maggior crescita della popolazione e la Nigeria, il paese in cui la popolazione aumenterà più velocemente. Secondo le proiezioni delle Nazioni Unite, in meno di 40 anni la Nigeria potrebbe avere più abitanti degli Stati Uniti.

Secondo le Nazioni Unite, il paese africano aumenterà dagli attuali 182 milioni a oltre 262 milioni nel 2030, fino a quasi 400 milioni nel 2050; mentre gli Stati Uniti continueranno a crescere, anche se più lentamente, e per il 2050 la sua popolazione è stimata in circa 389 milioni di persone.

Gli esperti delle Nazioni Unite hanno sottolineato il rapporto tra crescita della popolazione e tassi di sviluppo di ciascun paese. Nel corso dei prossimi decenni, la maggior parte della popolazione mondiale sarà concentrata soprattutto in paesi come l'India, Nigeria, Pakistan, Repubblica Democratica del Congo, l'Etiopia, l'Indonesia o in Uganda. Tutti i luoghi dove è "sempre più difficile sradicare la povertà e la disuguaglianza e combattere la fame e la malnutrizione", come indicato in una nota di John Wilmoth, direttore del Dipartimento per gli Affari Economici e Sociali delle Nazioni Unite.

I migliori video del giorno

Si tratta, ha spiegato, di questioni la cui soluzione è "cruciale per il successo della nuova agenda per lo sviluppo sostenibile, sviluppato dalle Nazioni Unite."

La crescita della popolazione è accompagnata da un aumento dell'età media e la riduzione delle morti infantili nel mondo. Il miglioramento della speranza di vita è uno degli obiettivi delle Nazioni Unite. I loro analisti hanno sottolineato che negli ultimi quindici anni il tasso di mortalità dei bambini sotto i cinque anni è sceso di oltre il 30% in 86 paesi e in 13 paesi il calo è stato di oltre il 50%.

Secondo le proiezioni, il numero di persone di età compresa tra 60 e 80 raddoppierà entro il 2050 e triplicherà entro il 2100. L'Europa è il continente con il più alto tasso di invecchiamento. Nel 2050 il 34% della popolazione avrà più di 60 anni.