Il macabro ritrovamento del corpo senza vita di una ragazza di 16 anni è avvenuto la scorsa notte in una spiaggia situata nei pressi del lungomare del Ringo a Messina. La vittima si chiama Ilaria Boemi e frequentava l'istituto d'arte Ernesto Basile di Messina. Gli inquirenti stanno ascoltando, in queste ore, i genitori della ragazzina, ovviamente scossi dalla tragica notizia.

ll capo della squadra mobile di Messina, Giuseppe Anzalone ha riferito che le persone che hanno trovato il cadavere, dopo aver avvisato la polizia, hanno dichiarato di aver avvistato la ragazza, mentre era ancora in vita, passeggiare sulla spiaggia insieme ad altri due ragazzi.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Sempre secondo alcuni testimoni, ad un certo punto la ragazza si sarebbe sentita male e i due, per attirare l'attenzione dei passanti, avrebbero iniziato a gridare per poi fuggire via prima dell'arrivo della polizia.

"Questo comportamento da parte dei due giovani ci fa venire molti sospetti, poiché se la ragazza si è semplicemente sentita male non si spiega per quale motivo i due sarebbero fuggiti. Sul corpo della vittima non è stato neppure rinvenuto alcun segno che faccia pensare ad un'overdose, tuttavia potrebbe aver preso degli stupefacenti per via orale. Ad ogni modo, stiamo prendendo in considerazione qualsiasi teoria e stiamo cercando di capire chi fosse la giovane e i due avvistati in sua compagnia" ha spiegato il capo della squadra mobile.

Finalmente scoperta l'identità della vittima

Inizialmente, l'identità della giovane era sconosciuta, poiché non aveva documenti con sé, e inoltre la scomparsa non era stata denunciata da nessuno. Per questo motivo, la polizia ha diramato un identikit della ragazza ricco di dettagli così da favorirne il riconoscimento da parte di chi la conosceva.

I migliori video del giorno

Stando alla descrizione della polizia, la giovane aveva capelli corti, rasati sui lati e tre piercing: uno sul naso, uno sul labbro superiore ed infine uno sulla lingua. Indosso aveva un paio di jeans chiari, una t-shirt nera e delle scarpe da ginnastica scure. Adesso sappiamo per certo che il nome della ragazzina è Ilaria Boemi e che aveva solo 16 anni.

Ancora sconosciute le cause della morte

Il corpo è stato rinvenuto la scorsa notte, verso l’una, vicino al Circolo del Tennis e della Vela di Messina da alcuni passanti che hanno immediatamente chiamato un’ambulanza e avvisato la polizia. I medici, purtroppo, non hanno potuto fare nulla se non constatare il decesso della ragazza. Sul cadavere non sono stati trovati segni di violenza e si esclude la teoria di un’overdose. Ad ogni modo, un'autopsia è stata disposta dalla Procura di Messina e solo grazie ad essa potremo scoprire le cause che hanno portato la giovane alla morte.