Thyron Harris jr, il 18enne afroamericano ferito gravemente durante la manifestazione di Ferguson, in Missouri, era armato quando è stato colpito dai proiettili dei poliziotti. E' un video di sorveglianza rilasciato dalla polizia locale a confermare la versione dei poliziotti che domenica scorsa, durante una manifestazione pacifica in ricordo di Michael Brown, il giovane afroamericano disarmato ucciso nel sobborgo di Saint Louis il 9 agosto del 2014 dall'agente Darren Wilson. Wilson non è mai stato incriminato per il caso Brown.

Smentita la ricostruzione del padre di Harris

Dalle immagini si nota come Harris, amico di Michael Brown, non fosse intimorito dalla polizia e che la sfidasse.

Il padre di Thyron ai microfoni della "Cnn" aveva negato che al momento della sparatoria, il figlio fosse in possesso di un'arma. Da subito il quotidiano locale "Saint Louis post Dispatch" aveva invece scritto che il giovane fosse in possesso di una pistola rubata. Le immagini, girate gli istanti prima che gli agenti rispondessero al fuoco. Secondo la "Cnn" sarebbero state due le sparatorie. I quattro agenti coinvolti sono stati sospesi precauzionalmente finchè le indagini non saranno terminate. Mentre le condizioni del giovane Harris, dopo un intervento chirurgico, rimangono critiche. Meno gravi le invece quelle degli altri due ragazzi feriti poco dopo la sparatoria di Harris. La notte del 9 agosto scorso, a Ferguson, sono state arrestate 60 persone per aver tentato di irrompere nel tribunale federale.

I migliori video del giorno

Dalla morte di Michael Brown la polizia ha ucciso 1083 persone

L'uccisione del giovane Michael Brown ha causato un movimento di protesta da parte della comunità afroamericana chiamata “Ferguson Effect”. Secondo uno studio di “Vice News”, dalla morte di Michael Brown ad oggi i corpi di polizia degli Stati Uniti avrebbero ucciso 1083 persone, con la California e il Texas in cima a questa non invidiabile classifica. Il sito “Mapping police” fornisce invece i dati del 2015: sono almeno 197 i cittadini di colore uccisi dall'inizio dell'anno, circa il 30 percento dei quali erano disarmati. Di questi solo tre poliziotti sono stati incriminati.