Sequetrate sei dosi di marijuana e tre stecche di hashish nel corso di un controllo effettuato dalla polizia nel pomeriggio di domenica a Caltanissetta, nelle vicinanze di Villa Cordova. Di poco inferiore ai 24 grammi il peso complessivo della sostanza stupefacente. Sotto sequestro anche trentacinque euro, in banconote da 5 e 10 euro. Segnalato all'Autorità giudiziaria un immigrato ventunenne, proveniente dal Mali. Non sfuggivano i movimenti sospetti del giovane, in prossimità del muro di cinta di via Cavour: alla vista degli agenti, si disfaceva di un calzino nero, gettandolo lontano.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Politica

All'interno c'era la droga. In quei frangenti il protagonista della vicenda si trovava in compagnia di altre persone.

Il giovane aveva presentato istanza di protezione internazionale

L'immigrato, che dagli accertamenti effettuati risulta domiciliato in una comunità del quartiere "Saccara", aveva già presentato istanza di protezione internazionale agli organi competenti.

Dopo gli adempimenti di rito in questura, scattava la denuncia per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, precisamente 5,3 grammi di marijuana e 18,5 di hashish. Si tratta dell'ennesimo caso nella città nissena: un'emergenza tutt'altro che trascurabile.

Nei giorni scorsi sequestrata altra sostanza stupefacente nel centro storico

Pochi giorni fa proprio a Villa Cordova, nel cuore del centro storico, erano state sequestrate tredici stecche di hashish, circa 16 grammi complessivi, in un servizio effettuato dai polziotti della sezione Volanti. La droga era stata rinvenuta dietro un cespuglio, dopo che un ventiseinne del Ghana - con domicilio al centro d'accoglienza di Pian del lago - aveva tentato di disfarsi di un pacchetto. Altre due stecche di hashish erano state trovate, invece, dopo una perquisizione a due passi dal Consorzio universitario, precisamente fra corso via Palermo e piazza Garibaldi.

I migliori video del giorno

Immediatamente scattava la denuncia per un diciottenne, arrivato pure dal Ghana nel cuore della Sicilia, con una richiesta di asilo in corso.