Il ciclone che da ieri si sta abbattendo sulla Sardegna ha già provocato parecchi disagi e, oltre alla paura, molte famiglie sono state evacuate, le scuole sono state chiuse e le visite negli ospedali sospese. Questa mattina un violento temporale si è abbattuto, in particolare, nella zona est della Gallura, ma la Protezione civile ha saputo rispondere alle esigenze. Tra la popolazione c’è molta paura, ma i meteorologi hanno previsto che il ciclone, proveniente dalle Baleari, imperverserà ancora per tutta la giornata di oggi.

La situazione ad Olbia

Olbia è, al momento attuale, una città quasi del tutto sgomberata, anche perché il Rio Siligheddu, un fiume che percorre il centro abitato, è esondato e minaccia ora la zona dello stadio Nespoli e dei quartieri Isticcadeddu e Baratta.

Le strade cittadine sono state liberate dalle auto in sosta e la popolazione è stata invitata a raggiungere i piani alti dei palazzi. Tutte le vie d’accesso ai quartieri minacciati dall’acqua sono state chiuse ed i canali che attraversano la città sono sorvegliati costantemente. Questa mattina la pioggia è aumentata, ma le richieste d’aiuto da parte di alcune famiglie in difficoltà sono state raccolte prontamente dalla Protezione civile regionale.

La situazione a Torpè e nel Cagliaritano

Nel Nuorese, e precisamente a Torpè, la minaccia principale è costituita dalla diga Maccheronis, un enorme muro di cemento armato che non è mai stato completato, ma che però, ogni volta che piove più del solito, raccoglie le acque del Rio Posada e c’è il rischio che le riversi sul centro abitato. Questa mattina le strade erano completamente allagate, ma già ieri il sindaco di Torpè, Omar Cabras, aveva ordinato che le case più vicine all’argine del fiume venissero evacuate.

I migliori video del giorno

Trentacinque famiglie sono state costrette a pernottare da amici e parenti per precauzione, ma non è la prima volta che si verificano questi disagi, poiché, per mancanza di fondi, il problema non può essere risolto in maniera radicale. Nel cagliaritano, dopo una notte critica, la situazione questa mattina è migliorata di molto ed è stata chiusa per smottamenti solo la Statale 195 “Sulcitana”, precisamente nella zona di Capoterra.