Medici Senza Frontiere (Msf) non offre più i suoi importanti servizi a Kunduz, la città dell'Afghanistan dove ieri è stato colpito anche un'ospedale dal raid aereo condotto dagli Usa, secondo Msf, che ha causato la morte di circa 20 persone ed il ferimento di altre decine. Kate Stegeman, portavoce di Msf, ha precisato che il personale rimasto in città è impiegato in strutture sanitarie diverse.

ll presidente Usa, Barack Obama, esprime il suo cordoglio per le vittime civili coinvolte in questo "tragico incidente" all'ospedale Msf a Kunduz, dichiarando di voler aspettare i risultati dell'inchiesta aperta dal Pentagono "prima di esprimere qualsiasi giudizio". Così in una nota della Casa Bianca. 

Inoltre il presidente americano ha confermato la sua volontà di completare il ritiro delle truppe Usa nel paese prima della fine del suo mandato, a dicembre del 2016, ma questo tragico errore commesso con l’ospedale di Medici Senza Frontiere potrebbe complicare non poco l'obiettivo.

Pubblicità
Pubblicità

Gli aerei americani, infatti, stavano bombardando Kunduz per aiutare le forze armate afghane a riprendere il controllo della città, che è la più grande conquistata dai talebani. Il ritiro affrettato delle forze armate statunitensi, dunque, rischia di far commettere lo stesso errore della guerra in Iraq, dove, senza i soldati, l’Isis ha trovato campo libero per appropriarsi del territorio. Ma dopo l'incidente le pressioni per il disimpegno delle truppe americane aumenteranno sicuramente, complicando anche i rapporti con il nuovo presidente Ghani, ultimamente riavvicinatosi a Washington.

Msf: 'Usa e Afghanistan sapevano'

Secondo Medici Senza Frontiere il bombardamento contro l'ospedale è continuato per un'altra mezz'ora nonostante la segnalazione fatta alle forze armate alleate: "Tutte le parti in conflitto, incluse Kabul e Washington, erano a conoscenza delle coordinate delle nostre strutture da molto tempo. Come avviene nelle zone di guerra il personale di Msf ha comunicato le coordinate Gps a tutte le parti in conflitto in diverse occasioni, l'ultima risale al 29 settembre".

Pubblicità

Per questo chiede urgentemente chiarezza per capire in maniera definitiva cosa sia successo e come sia potuto accadere un evento di tale gravità.

Leggi tutto