Papa Francesco è malato? Secondo la notizia che era stata diffusa dal Quotidiano Nazionale, il Pontefice avrebbe un tumore al cervello. Tuttavia il Vaticano ha smentito con decisione quella che sembra soltanto una voce. Padre Federico Lombardi, che aveva inizialmente parlato di un'informazione infondata, ha fatto riferimento allo stesso Santo Padre e ha detto che in Vaticano non è arrivato nessun medico giapponese, per fare degli accertamenti. Padre Lombardi ha specificato che il Papa è in buona salute.

La notizia secondo il Quotidiano Nazionale

Nell'edizione di qualche giorno fa, QN aveva affermato che il Papa avrebbe avuto una piccola macchia scura nel cervello, e aveva continuato dicendo che il tutto sarebbe stato rapportabile ad un tumore comunque curabile.

Il quotidiano aveva raccontato che sarebbe arrivato presso la Santa Sede il professor Takanori Fukushima, un medico giapponese della clinica San Rossore di Pisa. Anche da parte del giornale erano provenute rassicurazioni, perché, secondo ciò che era stato indicato, Papa Francesco non avrebbe avuto bisogno di nessun intervento chirurgico. A discapito di quanto abbia detto QN, il medico giapponese ha definito la notizia falsa. Secondo quanto hanno riferito i responsabili dell'istituto, per il quale lavora il professor Fukushima, quest'ultimo avrebbe visto il Santo Padre nel corso di un'udienza generale in Vaticano. Non ci sarebbero indizi che farebbero pensare che Fukushima abbia visitato e curato Papa Francesco.

La replica di QN

Nonostante da parte della Santa Sede siano arrivate notizie di smentita, il direttore di QN, Andrea Cangini, avrebbe confermato la notizia del tumore.

I migliori video del giorno

Ha detto che era comprensibile che la Santa Sede smentisse, ma il suo giornale non avrebbe il minimo dubbio sulla fondatezza del riferimento al tumore al cervello. Il direttore ha specificato che erano molto indecisi per la pubblicazione, proprio per la grande responsabilità che tutto ciò comportava. Alla fine hanno deciso che fosse importante portare avanti il diritto dell'opinione pubblica a conoscere la vicenda.