Il 9 ottobre, ex ed attuali membri della CIA, si sono riuniti presso l’Atomic Testing Museum per parlare della rock star di tutte le basi segrete: la famigerata Area 51. In un’occasione come questa, era inevitabile che domande relative agli UFO (unidentified flying object) sarebbero venute fuori. “Nessun segreto da rivelare, è tutto alla luce del sole”, hanno dichiarato alla folla. “Non posso confermare né smentire che ci siano segreti”, ha affermato lo storico capo della CIA David Robarge. Sono passati nove anni da quando a Robarge fu assegnato il compito di declassificare informazioni sui velivoli costruiti e testati nell’Area 51. Barnes, radarista della CIA, ha contribuito alla declassificazione di foto e documenti di tecnologia che hanno contribuito nella vittoria della Guerra Fredda.

I segreti della CIA

I segreti nella CIA sono il pane quotidiano e Barnes lo sa bene, in quanto non poteva dire nemmeno a sua moglie dove e su cosa stesse lavorando. Per più di mezzo secolo, l’agenzia ha mantenuto il segreto sugli UFO. Dopo un’ondata di avvistamenti a livello nazionale nel 1952, la CIA convocò il “Robertson Panel”, in cui un comitato di esperti investigò i casi UFO e concluse che non erano una minaccia per la difesa nazionale. Inoltre, l’intelligence statunitense, ha sempre negato questo interesse, ma i documenti dimostrano che ha continuato a raccogliere informazioni sugli oggetti volanti non identificati fino agli anni ’70. All'evento presso l' Atomic Testing Museum, un giornalista, Jeremy Corbell, ha chiesto se l’agenzia fosse ancora interessata a tali questioni.

I migliori video del giorno

Robarge, ha risposto nettamente di no e che tutti gli avvistamenti UFO erano dovuti ai test di velivoli sperimentali. Secondo Bruce Maccabee, per molti anni fisico della Marina degli Stati Uniti, “queste sono assurdità”.

Maccabee dichiara di aver approfonditamente studiato i reports degli avvistamenti UFO prima e dopo il lancio dell’U2, nel 1955, arrivando alla conclusione che essenzialmente rimasero invariati. Questo significa che non erano di certo gli U2 a causare la maggior parte degli avvistamenti ritenuti non identificati. Molta è la confusione sul tema, ma secondo Robarge, la CIA non incoraggiava né scoraggiava la disinformazione, ossia, spingere a credere che gli UFO fossero di origine aliena per coprire lo sviluppo di velivoli sperimentali.