Ragusa – Veronica Panarello, accusata di aver commesso l’omicidio del figlio Loris Stival di 8 anni, ieri è stata nuovamente ascoltata nella Procura della Repubblica di Ragusa. Recentemente gli inquirenti hanno fatto nuovi sopralluoghi nella zona di Santa Croce Camerina e anche lungo la strada per il “Castello di Donnafugata” alla ricerca dello zainetto del figlio. Durante l’interrogatorio, Veronica Panarello ha confessato di aver in effetti gettato il proprio figlio nel canalone. Tuttavia, la donna ha specificato che non è stata lei ad ucciderlo. Come è morto, quindi, il piccolo Loris?

'Loris è morto per un incidente'

La Panarello ha detto che i fatti si sarebbero susseguiti secondo le seguenti modalità: Veronica avrebbe prima accompagnato il figlio più piccolo a scuola, una volta tornata a casa avrebbe trovato Loris agonizzante soffocato dalle fascette da elettricista trovate in casa della famiglia Stival. Secondo le ipotesi di Veronica, Loris avrebbe giocato con i laccetti noncurante del pericolo che poteva comportare il loro utilizzo.

Tuttavia non si comprende bene né il motivo per cui mamma Veronica abbia potuto permettere al proprio bambino di giocare con qualcosa di potenzialmente pericoloso, né tantomeno si comprende il motivo per cui anziché avvertire i soccorsi abbia occultato il cadavere del piccolo.

Il sopralluogo sul luogo del ritrovamento

Veronica Panarello è stata poi accompagnata dal suo legale, l'avvocato Francesco Villardita, e dagli uomini appartenenti alle forze dell’ordine, fino al luogo del ritrovamento del piccolo cadavere di Loris. L’obiettivo principale era quello di scoprire ulteriori dettagli sulla vicenda magari ritrovando anche il punto esatto dove sarebbe stato gettato lo zainetto di Loris Stival. Gli inquirenti sospettano che lo zainetto possa essere stato gettato in un canalone localizzato in contrada “Mulino Vecchio”, proprio il luogo del ritrovamento del cadavere del piccolo Loris.

I migliori video del giorno

Altri sopralluoghi sono stati fatti anche nella abitazione della famiglia Stival. Per ulteriori aggiornamenti cliccare sul pulsante "Segui" posto in alto all'articolo.