Continuano senza sosta le indagini antiterrorismo. Si indaga in ogni posto ed anche la Calabria è coinvolta. Gli uomini della Digos di Cosenza hanno portato a termine una lunga indagine, ponendo sotto arresto un ragazzo di 25 anni residente a Luzzi. Il giovane è un foreign fighter marocchino che era pronto a partire per le zone di guerra. Si tratta diHamil Mehdi un commerciante con regolare permesso di soggiorno. Le indagini su di lui erano in corso da luglio e all'alba del 25 gennaio è stato arrestato. Il giovane è accusato per i reati della nuova legislazione antiterrorismo ed in particolare in materia di foreign fighters ai sensi dell'articolo270-quinquies del codice penale.

Le lunghe indagini

Si tratta di ricerche che vanno avanti da luglio 2015. Il ragazzo infatti era stato respinto in Turchia per motivi di sicurezza ma poi aveva fatto rientro in Italia. In particolareHamil Mehdi era stato fermato già a Istanbul mentre cercava di raggiungere la Siria per arruolarsi all'Isis. Il giovane è stato così rispedito in Italia ma bloccato a Fiumicino. La famiglia diHamil Mehdi non era informata sulle sue intenzioni ed infatti agli agenti hanno riferito che sarebbe rientrato in serata. In seguito alle perquisizioni, in uno zaino sono stati rinvenuti ottocento euro, una divisa militare e tutte le regole che un buon musulmano deve seguire secondo il Corano. Inoltre possedeva due telefoni cellulari.

Le dichiarazioni

Nonostante l'arresto, il marocchino continua a difendersi. Racconta di essersi recato in Turchia solo per pregare e di non appartenere in nessun modo alle truppe dell'Isis.Intanto la Dda di Catanzaro afferma che l'arresto diHamil Mehdi è il primo caso di applicazione della legge del 2015 contro l'addestramento ai fini del terrorismo internazionale. Gli agenti affermano inoltre che si tratta del classico combattente straniero. Adesso si stanno svolgendo tutte le indagini preliminari e il marocchino si trova in custodia cautelare. Per continuare a ricevere aggiornamenti cliccate il tasto 'Segui' in alto a destra.