Terrore nella zona turistica di Istanbul: ci sono state almeno due esplosioni in mattinata, prima in piazza Sultanahmet e poi in un hotel della zona. Si parla al momento di 10 vittime accertate e diversi feriti ma il bilancio è soltanto provvisorio.

La prima esplosione nella piazza più nota ai turisti

Piazza Sultanahmet si trova nel centro storico di Istanbul ed è la meta preferita dai turisti, perché in questa grande piazza si concentrano i monumenti più famosi della capitale turca. Ed è proprio qui che stamattina è stata udita una forte esplosione. Infatti, un uomo si è fatto esplodere nei pressi della Moschea Blu e di palazzo Topkapii.

Subito sono giunte sul posto moltissime ambulanze e la polizia ha isolato la zona. Il tutto è testimoniato da un video della CNN che mostra la confusione e la polizia sul luogo dell'attentato. Ci sono diversi morti e feriti: al momento la stampa locale parla di 10 vittime e molti feriti, tra cui anche cittadini tedeschi. La zona è vicinissima ad altri importanti monumenti come la Basilica di Santa Sofia e l'obelisco di Theodosius. I giornalisti e i curiosi sono subito stati allontanati dalla zona. Dalle prime ricostruzioni si tratterebbe di un attentato suicida. La Farnesina è già in contatto col consolato italiano ad Istanbul per verificare l'eventuale presenza di cittadini italiani.

Seconda esplosione in un hotel

Dopo l'esplosione in piazza Sultanahmet, una seconda sarebbe avvenuta in un hotel del distretto metropolitano di Maltepe.

I migliori video del giorno

L'hotel adesso è in fiamme e ci sarebbero molti feriti. Sono intervenuti prontamente i vigili del fuoco che stanno continuando a lottare contro le fiamme. Nell'albergo ci sarebbero ancora diverse persone da trarre in salvo. Il personale della struttura, invece, è già fuori dall'hotel ma alcuni operai che lavoravano alla struttura, in parte ancora in costruzione, sarebbero feriti ed ancora all'interno. Non si conoscono le cause di questa seconda esplosione e ancora non è sicuro che i due eventi siano collegati tra loro.