Un profugo sarebbe stato vittimadi un episodio di violenza sessuale, avvenuto presso la stazione di Termini Imerese. Si tratterebbe di un diciottenne originario del Gambia, giunto in Italia e ospite al Cara di Mineo. Il ragazzo si sarebbe recato a Termini Imereseper andare a fare visita ad un conoscente e connazionale e, giunto alla stazione, sarebbe stato avvicinato da un uomo, che, esprimendosi in italiano e aiutandosi con una app per la traduzione,gli avrebbe proposto un rapporto sessuale. A seguito del rifiuto da parte del profugo, il molestatore sarebbe passato alle maniere forti, costringendo la vittima a subire un abuso.

La fuga e la denuncia alla polizia

Il profugo, dopo la violenza, sarebbe ad un certo punto riuscito a liberarsi del suo aggressore e a fuggire a piedi, fino ad incontrare un automobilista che gli avrebbe prestato soccorso e lo avrebbe aiutato ad avvertire le Forze dell'Ordine. La polizia, una volta intervenutae a seguito della ricostruzione deifatti sulla base del racconto del diciottenne, sarebbe già riuscita ad identificare il colpevole. Quest'ultimo avrebbe infatti commesso un'imprudenza, utilizzando il telefono della vittima per accedere al suo profilo su un socialefacilitando così in modo notevole il lavoro degli agenti.

Il presunto colpevole sarebbe un italiano

La polizia, a seguito dell'identificazione, sarebbe già riuscita ad arrestare il presunto colpevole, individuato nei quartieri centrali di Termini Imerese.

Si tratterebbe di un italiano di ventitré annidel quale non si conoscono le generalità e che, una volta tradotto in questura, sarebbe anche stato riconosciuto dalla vittima. Il principale riscontro del racconto del profugo sarebbe arrivato dai controlli effettuati dalla polizia scientifica, i cui agentiavrebbero rilevato, presso la stazione, tracce biologiche che potrebbero confermare la versione del diciottenne del Gambia.

Al momento il presunto colpevole si troverebbe in stato di fermo con custodia cautelare in carcere, secondo le disposizioni del Giudice per le Indagini Preliminari.