In un'operazione coordinatadalla Procura di Napoli Nord, i Carabinieri di Casoria hanno arrestato tre uomini albanesi accusati di aver seminato il terrore nel triangolo comprendente la Basilicata, ilnapoletano e il salernitano.Sono gli ultimi tre componenti di una banda, tutti albanesi, di otto elementi. La banda aveva stanzaa Caivano, in provincia di Napoli. Da lì, a bordo di auto di grossa cilindrata, rubate e opportunamente truccate, partivano verso il triangolo dove avevano scelto di operare.

Lo schema della banda prevedeva azioni notturne nelle quali, con sevizie e minacce, si facevano consegnare dalle vittime tutto quanto potesse ingrossare il loro bottino.

Rapine in ville e sevizie: 'Ti caviamo i denti!'

Stabilitisi a Caivano, avevano rifugidove tenevano nascoste le armi. Un volta recuperate, si avviavano verso la villa precedentemente selezionata, forzando le protezioni e terrorizzando la famiglia.

Secondo quanto chiarito dai Carabinieri, i tre arrestati facevano parte di una banda di otto uomini, cittadini albanesi, la quale a dicembre aveva patito i primi cinque arresti. I tre non hanno smesso di operare dopo la cattura del resto dei banditi: hanno spostato la loro base da Cardito, dove i Carabinieri hanno arrestato i primi cinque, a Caivano ed hanno mantenuto lo stesso schema.

La brutalità delle loro operazioni desta stupore.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

In un'occasione hanno tentato persino un omicidio: solo un miracolo ha portato la pistola a incepparsi. Ma le azioni violente sono state la normalità, anche verso i bambini, arrivando a cavare i denti alle loro vittime per far loroconfessare i nascondigli dei gioielli o le combinazioni delle casseforti. Spettacolari anche le fughe: intercettati dai Carabinieri di Caserta, in un'occasione non hanno esitato a forzare il posto di blocco dileguandosi nei campi e facendo perdere le loro tracce, ricordando da vicino la banda dell'"Audi gialla" che continua a seminare terrore nel Nord-Est.

Gli accertamenti in corso riveleranno se tra le due situazioni vi siano dei collegamenti.

Quello che è certo, è che il più temibile degli otto albanesi arrestati era ricercato anche dall'Interpol per rapine simili, ma anche per omicidio. E che il territorio napoletano, già martoriato dalla criminalità locale, forse adesso potrà tirare qualche sospiro di sollievo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto