"Sono pronto a un confronto con Veronica Panarello": lo ha ribadito oggi, in un'intervista a "La vita in diretta" su Rai 1, il signor Andrea Stival, da ieri iscritto nel registro degli indagati della procura della Repubblica di Ragusa nell'ambito dell'inchiesta sul delitto del nipotino Loris, ucciso a 8 anni il 29 novembre 2014 a Santa Croce Camerina. Finora l'unica imputata per l'infanticidio era la giovane mamma del bimbo, Veronica Panarello.

Andrea Stival sotto inchiesta: sono pronto a un confronto con Veronica

L'indagine nei confronti dell'uomo è un "atto dovuto" dopo che la donna, parlando con gli psicologi nel carcere di piazza Lanza a Catania, ha detto che ad uccidere il bimbo sia stato il suocero con la quale lei avrebbe avuto una relazione extraconiugale che sarebbe stata scoperta dal piccolo Loris Stival.

Da qui la decisione di strangolarlo e nascondere il corpicino senza vita in un canalone tra le campagne nella zona del Vecchio Mulino, vicino al castello di Donnafugata a Santa Croce Camerina. "Ho dato mandato al mio legale - ha spiegato il nuovo indagato davanti alle telecamere di Rai 1 - per agire nei confronti della signora". Il nonno di Loris respinge le accuse mosse nei suoi confronti e ricorda di essere già stato ascoltato dai magistrati che sin dal primo momento avevano escluso il suo coinvolgimento nell'infanticidio.

La mamma presunta infanticida sarà interrogata venerdì 19 febbraio

Adesso si dice "sereno" e ribadisce di non aver "nulla da dimostrare a nessuno". Il pensiero dell'uomo va adesso al figlio Davide Stival al quale "è venuto a mancare tutto l'amore del bambino. Ora - ha aggiunto - si aggrappando a quel piccolino, è lui - ha detto riferendosi al fratellino di Loris - che deve far forza al papà".

I migliori video del giorno

Tornando a parlare delle indagini e del processo già avviato col rito abbreviato nei confronti di Veronica Panarello "la famiglia Stival - ha detto l'uomo - vuole giustizia. Io sono per la giustizia - ha sottolineato - per quel piccolo angelo, che la esige". Venerdì 19 febbraio, intanto, sarà interrogata ancora una volta Veronica Panarello: racconterà nuove versioni? Ci saranno altri colpi di scena?