Pericolosa sorpresa trovata nell’Ovetto kinder della Ferrero da un bambino di Frosinone. L’ovetto venduto in un bar di Pofi, un paese poco distante da Frosinone, risultava integralmente confezionato con la sua  carta stagnola, ma una volta rotto e aperto il bussolotto giallo, la sorpresa per il bambino si è rivelata molto pericolosa. Non si trattava di pupazzetti da costruire, ma di una pillola bianca, quella di un farmaco per l’ipertensione che se fosse stata ingerita per errore dal bambino, le conseguenze sarebbero state sicuramente negative.

Ovetto Kinder Ferrero: possibile sabotaggio 

Il bambino che ha trovato la pillola al posto della sorpresa nell’ovetto Kinder della Ferrero, per fortuna, al momento dell’apertura, si trovava insieme ai suoi genitori con i quali aveva acquistato l’ovetto in un bar di Pofi, nella provincia di Frosinone.

Increduli del ritrovamento, i genitori hanno immediatamente preso la pillola dalle mani del bambino e l’ hanno consegnata alla caserma delle forze dell’ordine più vicina. I carabinieri del Nas di Latina, insieme alla procura di Frosinone, si sono messi subito ad indagare sull’ origine del ritrovamento.

Indagini sul sabotaggio dell’ovetto Kinder: la Ferrero si dichiara “parte lesa”

Il mistero della pillola nell’ovetto con il passare dei giorni, fa dirigere le indagini verso una direzione ben precisa. Infatti la pista più plausibile sarebbe quella del possibile sabotaggio. Secondo le indagini lo “Zofronepil”, il farmaco ritrovato nell’ovetto sarebbe stato inserito volontariamente al posto del giochino in regalo ai bambini. La Ferrero, fortemente interessata alla questione, fa sapere di ritenersi "parte lesa" nel procedimento in corso dalla procura della Repubblica senza rilasciare ulteriori dichiarazioni in merito.

I migliori video del giorno

Per risalire a cosa possa essere accaduto, si dovrebbero analizzare a ritroso tutti gli anelli della produzione aziendale della Ferrero. Non poche difficoltà accompagneranno tale ricerca, in relazione alla presenza di numerosi stabilimenti della Ferrero in Italia e all’estero. Dalle prime indagini sembrerebbe che le sorprese e i bussolotti gialli di quel lotto fossero provenienti dall’assemblamento in aziende dell’Est Europa. L’ovetto kinder sorpresa è prodotto in sette diversi stabilimenti aziendali, di cui quattro sono europei, mentre le sorprese sono create oltre che nel nostro continente anche in paesi come la Cina e l’ India. Ma un particolare ha destato sorpresa agli inquirenti: il farmaco infatti inserito nel bussolotto giallo delle sorprese kinder, perfettamente ritagliato a misura nel suo blister è lo Zofenopril, farmaco venduto unicamente in Italia.