Un'altra notizia dicronaca arriva da Reggio Calabria e nuovamente ci si ritrova a farei conti con l'ennesimo agguato dall'inizio dell'anno. A nulla sarebbe valso l'intervento del Ministro Angelino Alfano per sedare la drammatica situazione che sta caratterizzandoil territoriocalabrese. Così sembra che la Calabria, Reggio in particolare, sia piombata in una spirale di violenza che non si decide ad arrestarsi. Stavolta ad essereattaccato è il 39enne dipendente di un supermercato. Sono emerse le iniziali dell'uomo, ossia G.L.C.

39enne gambizzato nellapropria auto

A scagliarsi contro l'uomo due individui a bordo di uno scooter. I due, passando di fianco all'auto dell'uomo, avrebbero imbracciato un fucile caricato a pallini e sparato alcuni colpi contro la vittima designata. L'uomo è un 39enne, G.L.C, dipendente di un supermercato che opera nella distribuzionecommerciale all'ingrosso, sito nel quartiere San Gregorio di Reggio Calabria.

Il 39enne, che svolgeva la funzionedi caporeparto nel supermercato, secondo le prime informazioni in quegli istanti era appena salito a bordo dellapropria Smart. L'agguato si è svolto nella sera del 12 febbraio2016, con precisione intorno alle ore 19:00, presumibilmente al termine dell'orario di lavoro.

Le ferite riportate non sarebbero gravi

I colpi sparati dai due uomini a suo indirizzo avrebbero forato lo sportello dei veicolo colpendolo ad una gamba e causandogli delle ferite.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

L'uomo è stato tempestivamente trasferito presso la struttura ospedaliera degli Ospedali riuniti di Reggio Calabria dove è statosoccorso. Sul luogo dell'agguato sono intervenuti immediatamente anche gli uomini delle Forze dell'Ordine che hanno provveduto ad eseguire i primi rilievi del caso per cercare di ricostruire l'esatta dinamica degli eventi che hanno visto protagonista il 39enne. Ulteriori dettagli emergeranno dunque nelle prossime ore in seguito agli accertamenti e ai rilievi delle forze dell'ordine.

In attesa di saperne di più vi invitiamo a cliccare sul tasto Segui in alto.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto