Vittoria (Ragusa)Diciotto anni e una sfilza di reati alle spalle degni del più maturo dei delinquenti. Il Ragazzo si chiama Simone Giannone ed è stato arrestato ieri, martedi 2 febbraio, dagli agenti di Polizia di Vittoria, nel ragusano, non senza difficoltà. Giannone era stato arrestato solo 10 giorni fa, ancora minorenne, ma quella esperienza di certo non gli è servita ed ha continuato a macchiarsi di una serie di reati di vario genere, dal furto alla violenza. In pochi giorni il giovane ne ha combinate di ogni, dopo una lite con il padre è andato via di casa ed è stato accolto da una donna, madre di una bimba di soli 4 anni, ma per la giovane madre quel bel gesto di accoglienza si è trasformato presto in un incubo.

Simone Giannone l’ha più volte minacciata fino ad usarle anche violenza con calci e pugni, dopo, non contento con un grosso masso ha sfondato una finestra e distrutto l’auto della donna. Una volta fuori da quell’abitazione che gli aveva garantito ospitalità, il ragazzo è diventato una mina vagante iniziando a rubare e minacciare. Una donna, che lo ha colto mentre rubava una console e dei dvd, ha rischiato seriamente di essere aggredita. Nelle 24 ore antecedenti l’arresto il centralino della Polizia non ha smesso di squillare con i cittadini che segnalavano questo giovane girarsi nei dintorni delle abitazioni con fare sospetto. A questo punto gli agenti si sono messi sulle sue tracce partendo dai luoghi dove era stato individuato e segnalato.

Il furto dell'auto e l'inseguimento

Sono le 22,30 quando alcuni cittadini denunciano di aver trovato delle saracinesche di garage aperte, in uno non manca nulla, ma anche altre saracinesche risultano aperte e con la luce accesa.

I migliori video del giorno

In un garage manca un’auto ed è a questo punto che dalle strade cittadine sfreccia la macchina con a bordo il giovanissimo Simone Giannone che scorrazza ignaro delle altre auto e dei passanti. La polizia si mette in scia, inizia un inseguimento ad altissima velocità per le vie del centro, vedendosi braccato il ragazzo decide di lasciare l’auto e scappare a piedi, ma la sua fuga dura pochissimo. In poco tempo il Giannone viene fermato dagli agenti con l’aiuto degli uomini della Polizia Municipale. Il ragazzo è stato condotto al comando, dentro l’auto, prontamente restituita ai proprietari, è stata rinvenuta la refurtiva, per gli abitanti di Vittoria è stata la fine di un incubo.