Il Virus Zika continua a spaventare il Mondo. E ovviamente l'Italia. E' allarme in Liguria, dove si è verificato il primo caso. Nella fattispecie a La Spezia: trattasi di una giovane venezuelana, appena rientrata da un viaggio nel suo Paese per andare a trovare i parenti lontani. Non a caso, il Venezuela dopo il Brasile è lo Stato sudamericano più colpito dal Virus Zika. La donna ha iniziato ad accusare i primi sintomi, come fossero quelli influenzali. Dopo essersi presentata in ospedale per i dovuti accertamenti, ha avuto la conferma dai medici che si trattasse proprio del Virus Zika.

Pubblicità

E' stata così trattenuta per altre analisi. La donna comunque non risulta essere incinta ed è un dato positivo, giacché, come ormai noto, l'aspetto che spaventa di più del Virus Zika è il fatto che provochi deformazioni nei neonati. In particolari, causa microcefalia nei nascituri.

La donna se la caverà ma restano le raccomandazioni

I medici non hanno dubbi sul fatto che la donna sia stata punta dalla zanzara vettrice del virus  Zika: la cosiddetta Aedes aegypti, la quale, ne trasmetterebbe altri due: la febbre dengue e la febbre chikungunya, quest'ultima mortale se non diagnosticata in tempo.

Il caso della venezuelana trasferitasi a La Spezia dimostra che il virus Zika può arrivare facilmente anche in Italia, da persone che hanno effettuato viaggi in paesi latinoamericani. Infatti, non basta solo non recarsi in Brasile, dato che quasi tutto il Sud America è potenzialmente a rischio. Non si esclude che il virus possa essere trasmesso da persona a persona. Anzi, nell'America latina si è accertato che la trasmissione possa avvenire anche tramite rapporti non protetti.

Occhi puntati poi sulle prossime Olimpiadi che si disputeranno in Brasile dal 5 al 21 agosto.

Pubblicità
I migliori video del giorno

Si pensi a quante squadre provenienti da tutto il Mondo vi accorreranno, più i tifosi al seguito. E al fatto che la parte del paese carioca più infetta sia proprio la capitale: Rio de Janeiro. In ultimo, che per trovare un vaccino, secondo gli esperti, ci vorranno almeno cinque anni.