I Carabinieri della compagnia di Chivasso hanno eseguito 8 fermi d'indiziato emessi dalla Procura della Repubblica di Ivrea ed hanno così assicurato alla giustizia otto georgiani e recuperato refurtiva per circa 500.000 euro dopo un anno di indagini. Il gruppo di georgiani, composto da Avtandil Tugushi, Mikheli Chogovadze, Giga Svanadze, Daviti Tsikoride, Petro Palamar, Omari Tsintsadze, Eduard Ronoivich Rozanov, Adro Arachemia, è l'autore di una serie di furti seriali che si sono verificati nelle provincie di Asti, Pavia,Torino ed Aosta.

Pubblicità
Pubblicità

Hanno un'età compresa tra i 25 ed i 68 anni. L'attività dei Carabinieri ha accertato a carico della banda 11 furti, ma potrebbero averne fatti almeno altri 50 colpi; l'operazione di arresto si è svolta con urgenza al fine di evitare la fuga dall'Italia.

Recuperati 500 mila euro 

Sono state eseguite 10 perquisizioni, sono stati utilizzati 50 militari dell'arma, sono stati recuperati 295 mila euro in contanti e circa 200 mila euro è il valore della refurtiva costituita da monete d'oro, macchine fotografiche, cellulari, uova di Pasqua.

Pubblicità

Entravano nelle abitazioni ma anche in attività commerciali senza alcuna effrazione, infatti utilizzavano per raggiungere il loro obiettivo la chiave bulgara che è un insieme di ferri e grimaldelli che riesce a sbloccare le porte e rubavano anche i salvadanai dei bambini.

Il video dell'arresto

Come si evince dal video, le forze dell'ordine impiegate nell'arresto sono state moltissime. Le immagini sono chiare ed eloquenti e sul finale del filmato si possono notare due salvadanai di bambini rubati presumibilmente in abitazioni private, ed un albero di Natale addobbato con dollari americani.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

I georgiani arrestati avevano già precedenti, già arrestati quindi per lo stesso reato e malgrado questo liberi di tornare a delinquere, c'è da chiedersi come questo sia possibile; questo è scoraggiante anche per le forze dell'ordine che riescono in imprese come questa lavorare sapendo che poi le conseguenze per gli indiziati saranno minime.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto